Home page > News di Poker > PokerStars e WPT si fondono, inizia il Millions, Negreanu due volte runner up

News di Poker

montedam

PokerStars e WPT si fondono, inizia il Millions, Negreanu due volte runner up

condividi su

Ponte tra PokerStars Championship Montecarlo e WPT Amsterdam. Ruzicka vince l'High Roller al Millions, e Negreanu fa doppietta di piazzamenti nel Mixed Game.

Un ponte tra Montecarlo e Amsterdam

È notizia di qualche giorno fa, e ha già destato tantissimo scalpore, sia nell’ambiente che tra gli appassionati. PokerStars e il World Poker Tour fonderanno le proprie esperienze in un lungo ponte che collegherà due città all’apparenza agli antipodi tra loro, ma che avranno un filo conduttore, ovvero il poker. Martedì prossimo nel Principato avrà il via una nuova tappa del PokerStars Championship, con tanti grandi campioni che si daranno battaglia per rinverdire i fasti “made in Europe” del circuito live della poker room della picca rossa.

Nel contempo il 5 maggio, giornata conclusiva della rassegna di poker in programma a Montecarlo, scatterà la tappa del WPT in programma ad Amsterdam. Si giocherà fino al 13 maggio, giorno in cui si scoprirà il vincitore del ricco Main Event. Ma la notizia che ha destato scalpore riguarda il fatto che le due organizzazioni degli eventi in questione hanno deciso di fondere ufficialmente e pubblicamente i propri sforzi, per far sì che questa doppia e prestigiosa tappa live diventi una delle più belle, sia della stagione che della storia del poker live.

A darne notizia è stato Adam Pliska, direttore esecutivo del World Poker Tour: “Per tanti anni PokerStars e il WPT hanno lavorato dietro le quinte, per far sì che le schedule dei rispettivi eventi principali potessero stuzzicare ancora la curiosità dei giocatori più forti in circolazione. Siamo orgogliosi di poter vantare una simile collaborazione, con la creazione di quello che abbiamo ribattezzato il PokerStars Championship WPT MonteDam Swing”.

Ci sarà un montepremi garantito combinato di ben 32 milioni e mezzo di dollari, con i primi cinque classificati di ben quattro eventi (i Main Event del PSC Montecarlo e del WPT Amsterdam, oltre a PokerStars National Championship e al WPTDeep Stacks) potranno scegliere uno tra quattro pacchetti a propria scelta per altrettanti eventi: il PokerStars Championship o il PokerStars National di Barcellona, il pacchetto per un WPT Main Event o per un WPTDeep Stacks, oppure semplicemente il corrispettivo di un buy-in per un WPT Main Event.

PartyPoker Millions: a Ruzicka l’High Roller

È iniziato ufficialmente questa settimana il PartyPoker Millions, evento che ci ha già tenuto compagnia con le varie fasi di qualificazione organizzate e disputate in giro per l’Europa, tra cui due (a Sanremo e a Campione d’Italia) disputate nel nostro Paese. In attesa di assistere al primo shuffle up and deal del Main Event, che assegna un montepremi garantito di sei milioni di sterline (uno dei qual andrà al primo), si è già concluso il primo evento di spessore.

Si tratta dell’High Roller dal buy-in di 10.300 sterline, con un montepremi garantito di un milione di sterline. A portarlo a casa è stato Vojtech Ruzicka, il quale è stato abile nel rispettare i pronostici che sono stati formulati prima dell’inizio del tavolo finale. Il giocatore ceco ha portato a casa l’ambito titolo e una prima moneta da 320.000 sterline (che dopo il deal sono diventate circa 284.000), dopo aver sconfitto in heads up il polacco Bartolomiej Machon, il quale ha dovuto accontentarsi – si fa per dire – di 220.000 sterline.

Il tavolo finale vedeva anche altri protagonisti di spessore, come il padrone di casa Tom Hall e l’americano Jason Wheeler, mentre non è riuscito a scalare la graduatoria fino in fondo il nostro Filippo Lazzaretto, il quale è entrato nella Top 30 dell’evento ma non ha potuto raggiungere la zona ITM. Ora però si inizia a fare sul serio con l’inizio del Main Event.

Negreanu, doppia beffa

Continua ad essere uno dei giocatori più vincenti della storia del poker, Daniel Negreanu, ma in questa occasione possiamo parlare per lui di una doppia occasione persa. Il fortissimo giocatore canadese si è reso protagonista nel Bellagio Mixed Game High Roller, ovvero la prima edizione nella storia del poker live di un evento incentrato solamente sui mixed game.

Negreanu ha subito messo in mostra il proprio gioco, particolarmente arioso e capace di non risentire dei cambiamenti delle varianti previste. Così, nel giro di due giorni si è ritrovato a giocare altrettanti heads-up, perdendoli però entrambi. Nel primo caso, KidPoker si è ritrovato ad affrontare Ben Lamb, il quale ha fatto vedere un poker davvero molto bello fino a portare a casa il titolo e i 281.250 di prima moneta, lasciandone al rivale 175.000.

Nel secondo testa a testa giocato il giorno successivo, Daniel ha incrociato le carte con Daniel Alaei, un altro ottimo giocatore di varianti. Anche in questo caso Negreanu ha dovuto arrendersi e accontentarsi di un secondo posto dal valore di 77.500 dollari, contro i 125.000 vinti dal giocatore statunitense. Una doppia beffa, dunque, che però vale al canadese la possibilità di sfondare il muro dei 33 milioni di dollari vinti in carriera, allungando così sui suoi inseguitori nella classifica dei giocatori di poker più ricchi all-time, con Erik Seidel secondo a quota 31 milioni e mezzo circa.

 

Commenti

Posta il tuo commento

Commenti

Nessuno ha commentato questa pagina