ItaliaPoker > News di Poker > Benelli vince il WSOPC Main Event, 'Camposanto87' pazzesco, Kenney vs PokerStars

News di Poker

benelli

Benelli vince il WSOPC Main Event, 'Camposanto87' pazzesco, Kenney vs PokerStars

condividi su

Andrea Benelli trionfa a Campione d’Italia, la run incredibile di ‘Camposanto87, Bryn Kenney lancia l’attacco a PokerStars.

WSOPC Italy Main Eventy: il trionfo di Benelli

Va ad Andrea Benelli il Main Event del WSOPC Italy, chiusosi ieri sera al Casinò di Campione d’Italia. Per il fortissimo giocatore italiano una prima moneta da 73.000 euro e l’ingresso gratuito al Global Casino Championship.

Tavolo finale da urlo in quel di Campione, dove Danilo D’Ettoris esce all’8° posto quando il suo A-J non può nulla contro la coppia di re di Grzegorz Grochulski. Poi tocca a Simone Speranza (altro big in gioco), arrendersi con K-7 contro J-4 di Andrea Pezzoni, con i due che si sfidano in all-in su board K-5-4-J e river innocuo. Speranza rimane con le briciole e viene eliminato poco dopo.

Dopo l’eliminazione di Grzegorz Grochulski al 6° posto, tocca a Cesare Raso abbandonare i sogni di gloria in 5° posizione, prima che Benelli – il suo giustiziere – facesse altrettanto con Marius Asanache: J-J contro A-7 e il podio è servito.

Sul gradino più basso si insedia Daniele Primerano, impotente contro lo strapotere di Benelli e del suo A-K che minimizza le chance di A-J di ‘Superprimex’. L’heads-up inizia con Benelli in netto vantaggio su Andrea Pezzoni, che cede dopo due mani con A-5 vs A-9.

Ecco il payout del WSOPC Italy Main Event final table:

1-      Andrea Benelli €73.000

2-      Andrea Pezzoni €45.700

3-      Daniele Primerano €32.100

4-      Marius Asanache €24.500

5-      Cesare Raso €19.600

6-      Grzegorz Grochulski €14.300

7-      Simone Speranza €10.800

8-      Danilo D’Ettoris €8.050

‘Camposanto87’ vince anche allo SCOOP

Quando si dice essere baciati dalla fortuna. Non che la bravura non c’entri, ma quando in due settimane vinci un Night On Stars, uno Spin & Go da 20.000 euro e l’evento 2 dello Spring Championship of Online Poker, vuol dire che la Dea Bendata si è levata la benda per guardare dalla tua parte.

‘Camposanto87’ ha trionfato nel No Limit Hold’em Progressive KO da 250.000 euro di montepremi garantito, portandosi a casa 38.234 euro così suddivisi: 20.646 di premio normale, più altri 17.588 euro di taglie conquistate eliminando diversi altri giocatori:

1-      Camposanto87 €38.234

2-      NatanStars87 €19.894

3-      Priscilla87x €12.277

4-      mitraglia97 €10.336

5-      RickyKaka’90 €8.550

6-      dr.niunnau €6.724

7-      eroskillato €5.069

8-      arrafman €4.074

9-      biscoTTo83 €2.440

Bryn Kenney spara a zero su PokerStars

Tanto tuonò che piovve. PokerStars ha vissuto un biennio ricco di cambiamenti, a volte epocali, altre volte drastici. Cambiamenti che spesso hanno scontentato la community dei giocatori, con un sottobosco di sussurri e mugugni venuto alla luce qualche giorno fa.

A farsi portavoce di quel nutrito gruppo di player che non ha digerito i cambi targati PokerStars è stato Bryn Kenney, peraltro reduce dalla vittoria nel primo PokerStars Championship di sempre – a gennaio ha conquistato l’High Roller da $50.000.

In buona sostanza, Kenney ha sparato letteralmente a zero sia sulla gestione dei nuovi tornei di poker live – il Championship appunto, che ha mandato in pensione lo European Poker Tour – sia sull’aumento della rake sulla piattaforma virtuale.

Le parole di Kenney

Il professional poker player americano si è sfogato su Facebook, pubblicando un lungo messaggio che vi traduciamo nella sua interezza:

“Mi sembra ovvio come nessuno sia contento di ciò che PokerStars sta facendo. Non solo hanno tagliato tutti i costi, senza restituire nulla ai giocatori, ma non rispettano neppure gli accordi. Avevano detto che nei tornei da oltre $10.000 avrebbero pagato solo il 15% del field, ma oggi (era il 20 marzo, durante il PSC Panama) in un piccolo evento da 10k hanno mostrato un payout che paga in media il 20% del fiel.d

Penso che credano che siamo tutti stupidi, ma ciò che non capiscono è che con la loro rake alta e il loro servizio terribile, presto si ritroveranno senza altri eventi a parte Barcellona. Sono giorni tristi per i tornei di poker, ma l’aspetto positivo è che altri tour stanno aggiungendo dei bei tornei, perché si rendono conto di quanto PokerStars sia conciata male.

E sto parlando solo di una piccola parte delle cose negative: cambiano i payout, prenotano gli hotel per poi farti pagare di più le stanze, tagliano il supporto, tagliano la security. Tutte le cose che la gente amava di più di PokerStars sono scomparse, persino la loro affidabilità nel mantenere grosse somme sull’account – dato che si sono verificate alcune brutte storie sui cashout, come avveniva su Full Tilt.

Se volete sistemare le cose e salvare i vostri affari fatemi una telefonata, ma capisco che invece di ascoltare preferiate mandare tutto in fumo. La loro fortuna è che hanno lo staff migliore, ma vedremo quanto durerà visto che stanno spremendo ogni centesimo.

Se siete d’accordo con me, andate a giocare in Florida ed evitate Macao: dimostrategli che non possono fare qualsiasi cosa e aspettarsi che poi la gente vada ai loro tornei. Io non ci andrò di sicuro”.