ItaliaPoker > News di Poker > Bonavena e Curcio online, Akkari sponsorizzato Puma, Holz vince un altro milione

News di Poker

holz akkari puma poker

Bonavena e Curcio online, Akkari sponsorizzato Puma, Holz vince un altro milione

condividi su

Salvatore Bonavena sul podio del PLO, Curcio 3° nel Super Sized Sunday, Andre Akkari e la Puma, Fedor Holz cannibale.

WSOPC Italy, Bonavena 3° nel PLO Championship

In questi giorni, al Casinò di Campione d'Italia, si sta giocando il World Series of Poker Circuit Italy: 9 tornei con in palio altrettanti anelli targati WSOPC. Tanta action, tanti giocatori e tanto divertimento.

Come nel PLO Championship da 300 euro, al quale si sono iscritti 53 giocatori.

Un format innovativo quello dell'evento #4 delle WSOPC Italy: torneo diviso in round, al termine di ciascuno dei quali i giocatori vanno già a premio. Solo il 10% del field, però, andrà a giocarsi l'anello nel round decisivo.

Ieri si è giocato il primo round, andato a Mladen Kratovic, che superando in heads-up Nicola D'Anselmo si è portato a casa 3.700 euro - 2.300 per il runner up. Da segnalare il 3° posto di Salvatore Bonavena (1.700 euro per lui), uno dei giocatori del Campione Poker Team.

Questo il payout del round 1 dell'evento #4 delle WSOPC Italy:

1)      Mladen Kratovic €3.700

2)      Nicola D’Anselmo €2.300

3)      Salvatore Bonavena €1.700

4)      Cyprien Berger €1.300

5)      Ludovic Emery €1.050

6)      Kajetan Orecki €700

7)      Luca Terraroli €560

 

Luigi Curcio sfiora la vittoria nel Super Sized Sunday

Domenica, su PokerStars.com, a margine delle WCOOP 2016 si sono giocati naturalmente gli eventi del palinsesto settimanale. Tra questi anche il Super Sized Sunday, un torneo da 700 dollari in modalità KO Progressive, che ha visto tra i grandi protagonisti anche un nostro connazionale, l'italiano Luigi Curcio.

'1ncognita93', infatti, è riuscito ad issarsi fino alla 3° posizione su un field di 952 iscritti, incassando ben 36.015 dollari. La vittoria è andata ad un top player di fama mondiale come Justin 'ZeeJustin' Bonomo, il quale ha messo le mani su 92.310 dollari.

Peccato che Bonomo abbia poi investito l'intera vincita (aggiungendoci altri 10.000 dollari) per partecipare senza successo al Super High Roller delle World Championship of Online Poker 2016, dal quale è uscito senza ricavare il becco di un quattrino.

Il payout del final table del Super Sized Sunday:

1)      ZeeJustin $92.310

2)      gardze_wami $46.766

3)      lncognita93 $36.015

4)      Chmuri7 $28.105

5)      ILIOS72 $20.192

6)      Mr.Kingball $16.552

7)      YukoEgawa $10.647

8)      prepstyle71 $9.665

9)      n3xD $5.377

 

WCOOP 2016 Super High Roller: Fedor Holz l'insaziabile

Parlando proprio di WCOOP 2016 Super High Roller, continua il 2016 pazzesco di Fedor Holz. Stavolta il tedesco non ha vinto, ma è arrivato 2° e ha incassato l'ennesimo premio superiore al milione di dollari - seppure di poco.

Il giovane fenomeno degli High Roller ha stretto un deal con il vincitore, lo sconosciuto 'bencb789', che oltre alla soddisfazione di primeggiare nel torneo di poker online dal buy-in più alto di sempre ha pure intascato un premio di oltre 1,1 milioni di dollari.

Al torneo ha partecipato anche il nostro Mustapha Kanit, che però ne è uscito con le ossa rotte. Al tavolo finale è arrivato anche Salman 'salfshb' Behbehani, che ha chiuso al 3° posto proprio dietro 'CrownUpGuy' - 560.000 dollari per lui.

Così il tavolo finale del WCOOP 2016 Super High Roller:

1)      bencb789 $1.172.461

2)      CrownUpGuy $1.067.639

3)      salfshb $560.000

4)      philivey2694

5)      lechuckpoker

6)      fish2013

 

Andre Akkari e il ruggito… della Puma

Per Andre Akkari sarà un passo (relativamente) piccolo, ma per il movimento del poker potrebbe essere qualcosa di eccezionale. Il professionista brasiliano è infatti diventato il primo giocatore di poker al mondo ad essere sponsorizzato da un brand di livello mondiale come la Puma, solitamente accostata a sportivi più tradizionali.

Akkari in Brasile è molto conosciuto ed evidentemente la Puma vuole puntare molto sul mercato carioca. La notizia di per sé potrebbe sembrare fantastica solo per il membro del Team Pro PokerStars, ma in realtà potrebbe avere implicazioni importanti a lungo termine per tutto l'ecosistema del poker.

Si tratta in fatti di un grosso riconoscimento, di una sorta di attestato di legittimità: è come se Andre Akkari fosse stato riconosciuto come uno sportivo a tutti gli effetti, alla stregua dei connazionali Ronaldo e Neymar.

L'accordo con la Puma potrebbe essere la scintilla, quel primo passo che scatena un effetto-domino che potrebbe portare altri professionisti del poker a legare la propria immagine con brand sportivi di livello planetario.