ItaliaPoker > News di Poker > Debiti col poker online, noto allenatore di tennis accusato di omicidio

News di Poker

Debiti col poker online, noto allenatore di tennis accusato di omicidio

condividi su

Mark De Jong, allenatore di Robin Haase, numero 59 al mondo nel tennis, è stato accusato dell'omicidio di Koen Everink, che gli aveva prestato 80.000 euro.

 Robin Haase tennis coach

Poker online, debiti e sangue. Sono questi gli ingredienti di una storia che rischia di rovinare per sempre la carriera e la vita di Mark De Jong, 29 anni, professione allenatore di tennis nonché coach di Robin Haase, discreto giocatore che nella classifica ATP occupa il 59° posto mondiale.

Il mondo del tennis è stato sconvolto recentemente da una serie di scandali: dalle indagini sul match fixing (partite 'aggiustate' per favorire determinate scommesse) ai test antidoping falliti dall'icona Maria Sharapova, passando per le dimissioni del direttore del torneo di Indian Welss, Raymond Moore, dopo aver proferito frasi sessiste alla stampa riguardanti il tennis femminile.

In ultimo questo caso di omicidio, sul quale i dettagli sono ancora piuttosto scarni. Come detto, il caso coinvolge Mark De Jong: secondo le accuse, l'allenatore di Robin Haase avrebbe ucciso Koen Everink lo scorso 4 marzo.

La figlia minorenne trova il corpo

La cosa raccapricciante è che sarebbe stata la figlia di 6 anni di Everink, ricco uomo d'affari, a trovare il corpo del padre, pugnalato a morte, poco dopo la sua morte.

A quanto pare, Mark De Jong avrebbe accumulato grossi debiti di gioco, soprattutto perdendo a poker online. Koen Everink gli avrebbe quindi prestato 80.000 euro per aiutarlo ad appianare questi debiti, ma secondo alcune teorie De Jong avrebbe ucciso il businessman dopo che questi gli aveva chiesto di restituirgli i soldi, minacciando di rendere pubblici i problemi di gioco di De Jong qualora il coach non avesse provveduto in tempi brevi.

Mark De Jong è stato arrestato all'aeroporto di Schipol, Amsterdam, di ritorno dagli Stati Uniti d'America, mentre era con Robin Haase, dopo che il numero 59 al mondo si era ritirato dal Miami Open a causa di un infortunio.

Prima dell'arresto, Mark De Jong aveva anche confessato di essersi trovato a casa di Everink il 3 marzo, cosa che probabilmente lo rende l'ultima persona ad aver visto l'uomo d'affari ancora vivo.

Un giocatore di poker conosciuto

Secondo Ramon Sluiter, che come De Jong è un allenatore di tennis, Koen Everink era buon amico di tre giocatori olandesi: Igor Sijsling, Jesse Juta Galung e per l'appunto Robin Haase. Commentando il fattaccio, Sluiter ha spiegato:

"Abbiamo visto Robin e Mark qui a Miami e mi sembravano ok, magari un pochettino giù di morale, ma ho pensato che fosse a causa della preoccupazione di Robin per il suo ginocchio malandato. Questo è stato uno shock enorme per tutti".

 

Dan Bilzerian vince la pro bet

dan bilzerian bike

Dan Bilzerian ha vinto la sua Pro bet contro Bill Perkings percorrendo in bicicletta la strada tra Los Angeles e Las Vegas in sole 33 ore.

I patti erano 48 ore per 1 milione e 200 mila dollari dei quali la metà sarà proprio Perkings ora a doverli sganciare mentre gli altri arriveranno da altri scommettitori.

Ci sono state però molte polemiche in rete dovute al fatto che il poker player ha utilizzato una bici reclinabile particolare e che le forze dell'ordine abbiano facilitto la sua corsa sgombrando le strade.