ItaliaPoker > News di Poker > Ferguson alle WSOP, delusione The Cube, Il Colossuss che ti cambia la vita

News di Poker

the cube 746192

Ferguson alle WSOP, delusione The Cube, Il Colossuss che ti cambia la vita

condividi su

Tra le news più calde della settimana il ritorno di Chris Ferguson alle WSOP dopo il Black Friday, l’inizio della fase estiva della GPL e la clamorosa vittoria di Keeline al Colossuss.

Chris Ferguson torna alle WSOP: reazioni positive…e negative

Clamorosa apparizione di Chris 'Jesus' Fergusonalle WSOP 2016 dopo anni di assenza dal mondo del poker in seguito agli scandali del Black Friday.

Ne è passata di acqua sotto ai ponti da quel 2011: oggi la maggior parte dei giocatori è stata rimborsata e Full Tilt ha unito il proprio traffico a quello di PokerStars. Così, con lo scandalo del Black Friday ormai consegnato ai libri di storia, sabato 4 giugno Chris Ferguson ha fatto il suo ritorno inscena sedendo ai tavoli del Seven Card Stud da 10.000 dollari.

Chi si aspettava solo una pioggia di critiche e insulti è rimasto spiazzato. Pare infatti che Ferguson sia stato accettato in linea di massima dalla maggior parte degli altri giocatori. Brandon Cantu, ad esempio, ha così twittato:

"Spero davvero che Chris Ferguson vinca lo Stud. Buona fortuna".

Diversa invece la reazione di Greg Merson:

"Carissimi player delle WSOP, per piacere slowrollate Chris Ferguson ogni volta che ne avete la possibilità, durante l'estate. Vi ringrazio".

chris Ferguson wsop2016

E se tornasse anche Howard Lederer?

Il ritorno di Ferguson potrebbe preparare il terreno per un altro dirigente dell'ormai defunta Full Tilt, Howard Lederer, il quale proprio di recente ha scritto un messaggio di scuse sfruttando il blog ufficiale di Daniel Negreanu.

Un'eventuale comparsa di Howard Lederer alle WSOP 2016 sarebbe sicuramente più controversa, dato che durante lo scandalo fu proprio lui ad essere indicato come tra i principali responsabili di aver tradito la fiducia dei giocatori di Full Tilt.

 

GPL: delusione per “The Cube”

Chi si aspettava fuochi d’artificio per la fase estiva della GPL sarà probabilmente rimasto deluso nello scoprire il famoso “The Cube”. Quella che sarebbe dovuta essere una specie di arena del poker si è trasformata in una stanza dalle pareti blu, con due giocatori in piedi davanti ad un monitor touch che si scontrano in heads-up.

Da un punto di vista tecnico non ci si può lamentare, non mancano i commenti e le interazioni tra i player, che indossano puntualmente le maglie in stile “squadra di calcio” con il logo della propria franchigia, e sullo schermo si è sempre aggiornati sulle mani dei giocatori e sul board.

aaron paul2

Il debutto di Aaron Paul a The Cube

Manca però quel senso di spettacolo e di “arena” in cui ci si aspetta un pubblico esultante e due contendenti scannarsi fino all’osso!

In compenso la pensata di esordire con l’attore Aaron Paul (l’unico dei giocatori ancora non scesi in campo) ha sicuramente contribuito ad innalzare l’interesse del pubblico per questa fase live della GPL, che deve però scontrarsi con il colosso del poker: le WSOP.

 

Benjamin Keeline: da broke a milionario grazie al Colossus

Le storie come quelle di Benjamin si contano sulle dita di una mano e spesso i giocatori di poker finiti broke, ci restano. Eppure per il giovane di St. Louis le cose sono andate diversamente ed è riuscito a mettere le mani su 1 milione di euro vincendo la seconda edizione del Colossuss alle WSOP 2016.

Il torneo con 21.613 partecipanti si è assestato come il secondo più grande nella storia del poker, battuto solo dalla prima edizione del Colossuss stesso che era arrivata a 22.374 entries.

ben keeline

Con più di 11.000 giocatori unici e 89 paesi in gara, Keeline ha fatto decisamente la storia soprattutto se si pensa che per poter partecipare ha dovuto chiedere soldi in prestito. Negli ultimi mesi aveva inoltre abbandonato la carriera pokeristica e si era messo a guidare un taxi per poter pagare le bollette come egli stesso ha ammesso in una intervista alle WSOP.

Una storia, quella di Benjamin, simile a molte altre, in cui giocatori che hanno raggiunto il successo finiscono poi però per dilapidare il proprio bankroll.

Keeline aveva addirittura vinto un anello nel circuito delle WSOP e negli ultimi 5 anni aveva vincite superiori ai 400.000 dollari.