ItaliaPoker > News di Poker > Il final table del Main Event WSOP, le WSOP azzurre, Fedor Holz scatenato
Mothership 2017 WSOP 5293

Il final table del Main Event WSOP, le WSOP azzurre, Fedor Holz scatenato

condividi su

Stabilito il final table del Main Event WSOP 2017. Come sono andati i mondiali di poker per i giocatori azzurri. Intanto Fedor Holz continua a vincere ovunque.

WSOP 2017 Main Event: ecco il final table

Stasera (domani mattina ora italiana) si giocherà il tavolo finale del Main Event WSOP 2017. Sono infatti rimasti soltanto in 9 a contendersi il titolo di campione del mondo di poker, e soprattutto gli oltre 8,1 milioni di dollari in palio per il vincitore.

Scott Blumstein e John Hesp hanno insieme quasi la metà delle chip in gioco: 97,2 milioni il primo, 85,7 il secondo. Staccatissimo il pur forte francese Benjamin Pollak, 3° con 35,1 milioni di pezzi.

Da segnalare anche il 4° posto di Bryan Piccioli e due cavalli di ritorno: Antoine Saout e Ben Lamb. Il primo era arrivato tra i finalisti anche nel 2009, mentre il secondo si era giocato il braccialetto più ambito nel 2011.

Ecco la composizione del tavolo finale del Main Event WSOP 2017:

1-      Scott Blumstein 97.250.000

2-      John Hesp 85.700.000

3-      Benjamin Pollak 35.175.000

4-      Bryan Piccioli 33.800.000

5-      Dan Ott 26.475.000

6-      Damian Salas 22.175.000

7-      Antoine Saout 21.750.000

8-      Jack Sinclair 20.200.000

9-      Ben Lamb 18.050.000

E questo il payout che attende i finalisti:

1-      $8.150.000

2-      $4.700.000

3-      $3.500.000

4-      $2.600.000

5-      $2.000.000

6-      $1.675.000

7-      $1.425.000

8-      $1.200.000

9-      $1.000.000

WSOP 2017: come sono andati gli italiani?

pescatori wsop 2017

Oltre un centinaio di piazzamenti a premio, 5 tavoli finali e quasi 3 milioni di dollari incassati. Le WSOP 2017 non sembrano essere andate così male per i colori azzurri, ma se togliamo dall’equazione due soli giocatori – Dario Sammartino e Max Pescatori – il risultato in realtà è molto meno incoraggiante.

Dei 2.914.892 dollari vinti dagli azzurri quest’anno, oltre 1,6 derivano soltanto dal 3° posto del Mad Genius nell’High Roller for One Drop. In tutto, Sammartino alle WSOP 2017 ha vinto oltre 2,1 milioni di dollari, praticamente il 66% del totale degli italiani.

Se a questi ci aggiungiamo i 205.773 dollari vinti dal Pirata Italiano (con 3 final table e 7 itm complessivi), arriviamo a più di 2,3 milioni di dollari incassati soltanto da due giocatori, con poco meno di 600.000 sparsi tra tutti gli altri player azzurri.

Non proprio un bilancio esaltante, considerati i 74 tornei in programma, vero?

Fedor Holz fa suo pure il Triton 6-Max

holz triton

Mentre dall’altra parte del mondo veniva stabilito il final table del Main Event WSOP 2017, in Montenegro Fedor Holz si portava a casa l’ennesimo titolo di una carriera fin qui straordinaria. E meno male che il tedesco in teoria si sarebbe ritirato dal poker…

Holz ha incassato altri 444.000 dollari e rotti conquistando il 6-Max da 32.000 dollari delle Triton Super Series, superando la concorrenza di 41 entry, tra cui anche Sam Trickett e Daniel Cates, e arrivando così a oltre 23,5 milioni di dollari vinti in carriera.

Così il final table del torneo:

1-      Fedor Holz $444.893

2-      Su Hao $284.192

3-      Predrag Lekovic $179.160

4-      Alan Sass $123.537

5-      Gabe Patgorski $86.501

6-      Richard Yong $67.920

7-      Xuan Tan $49.466

Niccolò Ceccarelli tra poker e Hearthstone

Recentemente si è svolto il Dreamhack Valencia, fiera del videogioco e dell’esport che, tra i tanti tornei in programma, ha visto disputarsi anche l’Hearthstone Grand Prix Main Event, evento assolutamente gratuito ma con un montepremi di 25.000 dollari.

Tra i partecipanti anche Niccolò ‘ChallengerGX’ Ceccarelli, noto grinder dell’online italiano, folgorato sulla via di Hearthstone l’anno scorso e alla sua prima vera esperienza in un torneo internazionale di questo tipo.

“Poker e Hearthstone sono molto simili”, ha dichiarato Niccolò, che per un soffio non si è qualificato alla Top 16 del Main Event. “Non si giudica da una giocata o da un torneo, ma sul lungo periodo. Bisogna sempre fare la scelta che abbia il valore atteso più alto”.

Quest’anno non è andata bene a ‘ChallengerGX’, pokeristicamente parlando, e chissà che il romagnolo non decida di dedicare un po’ di tempo in più ad Hearthstone e un po’ di meno al Texas Hold’em…

 

Commenti

Posta il tuo commento

I commenti sono disabilitati.

Commenti

Nessuno ha commentato questa pagina