Le Migliori Strategie di Poker dalla Matematica alla Psicologia

Imparare i Sit and Go -1

condividi su

Imparate a giocare le partite sit and go con i consigli di PokerRoomsOnline.it

Istruzioni per l'uso: prendete un tavolo verde, 10 giocatori, fiche a piacere; shakerate con acqua tonica e servite in un tumbler: ecco a voi un Sit 'n' Go, il No Limit Hold'em con tante bollicine. ;)

Per chi se lo fosse dimenticato, i Sit 'n' Go sono dei mini tornei a cui partecipano 10 giocatori. L'entrata, uguale per tutti, varia da pochi centesimi a diverse migliaia di dollari. All'inizio della partita ogni partecipante riceve 1000 fiche con cui giocherà il torneo; durante la partita il buio aumenta, forzando il ritmo del gioco. Il montepremi viene diviso tra i primi tre classificati (nelle rispettive quote del 50%, 30% e 20%).

La struttura dei Sit and Go è saporita e soddisfa ogni palato; la durata ridotta (meno di un ora) lo rende appetibile anche a chi non ha molto tempo a disposizione.

Se è vero che nei SnG il gioco è No Limit Hold'em, il "piano di battaglia" deve essere ben diverso dai "normali tavoli" di NLHE. Con questa serie di 3 articoli (inizio partita, mediogioco e finale) mi pongo l'obiettivo di illustrare una valida strategia per affrontare queste sfide.

INIZIO PARTITA

Incominciamo con un' analisi sintetica del SnG: Il giocatore che arriva quarto non riceve nemmeno un dollaro; il giocatore che arriva primo quintuplica l'ingresso versato. Queste due considerazioni vogliono sottolineare come nei SnG i piatti non siano costituiti da "moneta sonante"; dovete convincervi di stare lottando solamente per sopravvivere, non per i pezzi di plastica che si trovano al centro del tavolo. Ricapitolando: per vincere qualche soldo dovete arrivare in fondo, per arrivare in fondo potreste aver bisogno di qualche fiche: tenete distinti i concetti e non mescolate capo e coda del ragionamento.

Per esempio: vi ritrovate nel controbuio con

 


Un giocatore nelle prime posizioni scommette 4 Big Blind, il resto del tavolo lascia le carte. Voi vedete la scommessa (vi costa solo 3BB dopo tutto).

 

(il Flop)

Avete legato una coppia ed un tentativo di scala ad incastro, non male per una mano speculativa. Passate parola prudentemente, il vostro avversario scommette quanto il piatto. Che fare? Le note sul vostro avversario recitano: "regolarissimo". Potreste gettar via le carte o... potreste rilanciare violentemente! La vostra mano ha delle discrete possibilità di migliorare e le probabilità che il vostro "regolarissimo" avversario lasci il campo con la coda tra le gambe sono attraenti...

Mhhh, buon affare? In una partita normale vi incoraggerei nelle vostre spericolate azioni per solo una fiche guadagnata in più: il tempo vi darebbe ragione. Ma qui state improvvisando un trucco che se andasse male vi porta dritti dritti fuori dal torneo. Anche nella migliore delle ipotesi (ovvero un resto raddoppiato) il gioco vale la candela. State impegnando la vostra esistenza al torneo senza nessuna ricompensa certa, ricordatevelo.

Allora che mani giocare (e come giocarle)? E' presto detto: dovete tentare di minimizzare i rischi di gioco in questa prima fase, anche qualora questo vi costringa a non sfruttare in modo adeguato i vostri punti.
Coppie forti come

 

 

 


vanno giocate in modo diretto. Scommettete forte prima del Flop, non tentate di far cadere in trappola il vostro avversario. Se qualcuno prima di voi ha già aperto controrilanciate. La situazione ideale per queste mani è finire con tutte le fiche al centro del Flop prima ancora che siano scoperte le carte comuni.
Invece carte forti ma che hanno bisogno d'aiuto sul Flop come

 

 

 


vanno giocate invece in maniera più attendista. Sicuramente scommetterete forte in apertura (per intimidire i vostri avversari), ma non controrilanciate se qualcuno ha aperto le danze prima di voi: ricordate che contro una coppia avete meno del 50% di probabilità vincere un all in.

Per le mani speculative il discorso si fa più complesso. Per quanto riguarda i SnG le divideremo in 2 gruppi, quelle flessibili e quelle solide. Le solide sono tutte le coppie da

 

a


Le chiamo solide perché se il Flop vi aiuta potete scommetterci l'intero resto, in caso contrario sono inutili. Chiamate l'apertura con queste mani, tentando di vedere un Flop a buon mercato. Se sono molti i giocatori interessati nel piatto potete anche vedere un modesto rialzo Preflop.
Le mani flessibili invece sono

 

 

 


Il problema di queste mani è che probabilmente legheranno sul Flop un tentativo, raramente un punto completo (come nell'esempio). Non volete trovarvi nel mezzo di difficili decisioni con un piatto estremamente grosso rispetto al vostro resto. Per questi motivi il mio consiglio è quello di chiamare l'apertura con queste mani e lasciare il gioco contro qualsiasi rialzo.

Non tentate di rubare il buio, non giocate altre mani al di fuori di queste.

Probabilmente i miei consigli vi parranno troppo cauti, vi starete chiedendo dove è finito quel giocatore che indicava l'Aggressività come virtù principale nel NL Hold'em. Non preoccupatevi: come ho già detto, i giochi del SnG si decidono in poche e decisive mani finali (poche, decisive e brutali, lo vedrete con i vostri occhi).

Nella noia dei primi turni (perché se seguite alla lettera i miei consigli giocherete circa 2 colpi su 10) dovrete porre particolare attenzione ai vostri avversari. Nelle poche, decisive e brutali di cui sopra chi penserete che avrà la meglio? Bravi, chi ha avuto l'accortezza di studiare punti di forza/debolezza del suo avversario nelle fasi iniziali della partita.
Cercate soprattutto di individuare i motivi nelle loro puntate, se sono regolari o laschi, aggressivi o timidi.

Questo studio vi ripagherà abbondantemente: non scordate l'esempio di Talete!