ItaliaPoker > News di Poker > Kanit show a Nottingham, OTB37 da record, Jaka sfida i brasiliani

News di Poker

kanit partypoker millions

Kanit show a Nottingham, OTB37 da record, Jaka sfida i brasiliani

condividi su

Mustapha Kanit è secondo all’High Roller Millions di Nottingham. Grandi numeri alla partenza dell’Only The Barracudas 37, Faraz Jaka è pronto a sbarcare in Brasile.

Kanit, colpaccio sfiorato a Nottingham

Il suo non è stato un gran ruolino di marcia durante il PartyPoker Millions, il grande evento disputato a cavallo tra la scorsa e questa settimana a Nottingham. Tuttavia, Mustapha Kanit ha voluto ribadire ancora una volta di essere uno dei migliori giocatori in circolazione, soprattutto quando la posta in palio sale in maniera vertiginosa.

Così, Musta ha deciso di approfittare dell’organizzazione dell’High Roller da 25.000 sterline di buy-in, per ribadire questo concetto. In realtà è sembrato quasi un Sit & Go MTT, visto che erano solo 14 i giocatori che hanno pagato la posta per giocare e per contendersi il titolo presso il Dusk Till Dawn Casino della città inglese. E per lui è arrivato l’ennesimo heads-up di una carriera già molto importante nonostante l’età ancora giovane.

Prima di iniziare a giocare il testa a testa finale, Kanit ha deciso di concordare il deal con il suo avversario, il francese Pascal Lefrancois. Alla fine l’azzurro ha portato a casa 120.300 sterline contro le 126.300 del transalpine, che sono poi diventate 151.300 visto che quest’ultimo si è portato a casa anche le 25.000 sterline riservate al vincitore dell’heads-up.

Per la cronaca, alle spalle di Lefrancois e Kanit si è piazzato Bartolomiej Machon, il quale si è intascato ben 67.900 sterline.

OTB37, che numeri!

È partita solo due giorni fa l’edizione numero 37 dell’Only The Barracudas, uno dei principali eventi di poker live nel nostro Paese, che prosegue la propria tradizione presso il Casinò di Campione d’Italia. E a giudicare dai numeri fatti segnare al termine dei primi Day 1 c’è di che essere soddisfatti tra gli organizzatori. Sono infatti già 873 i giocatori che hanno preso parte ai primi tre flight di qualificazione, e in vista degli altri quattro Day 1A in programma da qui a sabato, non ci si può non aspettare che il record di presenze assolute dall’inizio di questo torneo venga battuto. Anzi, abbattuto.

Per il momento, a guidare il plotone dei giocatori che hanno passato il taglio, qualificandosi dunque per il Day 2, è Jury Lombardo. Per lui uno stack di ben 533mila chip, mentre al secondo posto troviamo uno dei regular più forti del poker live italiano, Alessandro Minasi: il torinese ha imbustato ben 440mila gettoni, covando grandi speranze di vittoria finale in questo Only The Barracudas 37. Non mancano però altri ottimi giocatori che hanno già ottenuto la qualificazione per il Day 2 in questi primi tre flight disputati.

Parliamo di giocatori del calibro di Cristian Viali, Vincenzo Scarpitti, Fabio Mangano, Giannino Salvatore, Francesco Delfoco, Salvatore Bonavena (evidentemente poco attratto dalla possibilità di giocare il PokerStars Championship di Montecarlo), Fabio Romer e Claudio ‘swissy’ Rinaldi.

Jaka lancia la sfida ai brasiliani

Dopo aver fatto la propria improvvisa comparsa a Sanremo, per disputare la terza e ultima fase di qualificazione al PartyPoker Millions – trovando anche l’accesso per il Main Event disputato a Nottingham – ecco che Faraz Jaka torna a far parlare di sè. Per il momento, il noto giocatore californiano si trova presso il Principato di Monaco, per il ritorno nel Vecchio Continente del circuito live targato PokerStars¸ma starebbe già pensando al suo prossimo viaggio, ovviamente a tinte pokeristiche.

Così, in una recente intervista rilasciata per CNN Money, Jaka ha fatto capire di volersi recare in Brasile, al solo scopo di giocare a poker. Faraz, che si è dato da solo l’appellativo di “barbone milionario”, ha ammesso di voler andare alla ricerca di home games senza cercare una fissa dimora durante la sua permanenza nel Paese sudamericano. Nessun casino nè altre poker room di spessore, bensì la possibilità di giocare in strutture più “familiari”, per capire come si gioca in Brasile. Contento lui…

Commenti

Posta il tuo commento

Commenti

Nessuno ha commentato questa pagina