ItaliaPoker > News di Poker > Panama dolce per gli italiani, Bilzerian sessista, Letterman si dà al poker?

News di Poker

kanit sammartino

Panama dolce per gli italiani, Bilzerian sessista, Letterman si dà al poker?

condividi su

Kanit e Sammartino sugli scudi a Panama, polemiche per Dan Bilzerian, David Letterman attirato dagli high stakes, Sam Ganzfried spiega Claudico e Libratus.

Kanit-Sammartino, altro show a Panama

Nella notte tra mercoledì 15 e giovedì 16 marzo si è concluso il Single Day High Roller da 25.00 dollari di buy-in del PokerStars Championship Panama, che ha visto due italiani arrivare al tavolo finale.

E chi se non i ‘soliti noti’, Mustapha Kanit e Dario Sammartino? ‘Mustacchione’ è arrivato 3°, per un premio di 161.700 dollari, mentre ‘Mad Genius’ si è dovuto accontentare – per modo di dire – di un 5° posto da 97.020 dollari.

I due sono stati anche protagonisti dello scontro fratricida che ha portato l’eliminazione del player campano, visto che la coppia di re di Sammartino è stata polverizzata dai pocket rockets del connazionale – eliminato a sua volta da Stephen Chidwick con A-9 contro 8-8.

Proprio Chidwick si è aggiudicato la vittoria e i 366.500 dollari del primo premio, battendo in heads-up Koray Aldemir. In the money anche Oliver Weis e Timothy Adams:

1-      Stephen Chidwick $366.500

2-      Koray Aldemir $253.340

3-      Mustapha Kanit $161.700

4-      Oliver Weis $123.980

5-      Dario Sammartino $97.020

6-      Timothy Adams $75.460

Dan Bilzerian a Cate Hall: “Le donne non sanno giocare a poker”

Non c’è settimana – per non dire giorno – che Dan Bilzerian non faccia in qualche modo parlare di se. Dopo le polemiche scatenate per una foto con una tartaruga centenaria cavalcata da una delle sue tante girl, Bilzerian ha fatto arrabbiare praticamente tutta la community del poker, affermando che le donne non sono capaci di giocare.

Il playboy milionario ha twittato un messaggio a Cate Hall, che come molti di voi sapranno ha in ballo una sfida con Mike Dentale, dicendo sostanzialmente che a lui di questa sfida non importa nulla e che comunque il gentil sesso non è in grado di giocare a poker.

Apriti cielo. Tanti i messaggi di sdegno arrivati da parte di alcuni dei top player più influenti al mondo, come ad esempio Liv Boeree, che ha lanciato una bella frecciata a Bilzerian: “Hai lavorato bene sul tuo personaggio vedo, ora magari lavora anche sul tuo poker”.

Anche Alex Dreyfus, il papà della GPL, ha espresso il suo parere sul fatto che Bilzerian fosse pronto a scommettere contro la Hall pur senza conoscere neppure il suo avversario: “Giocaci contro invece di scommetterci e vediamo chi ha gli attributi”.

David Letterman, dal Late Show al poker high stakes?

Secondo quanto riporta il National Enquirer, David Letterman – indimenticato presentatore del Late Show che ha condotto per 33 anni – sarebbe pronto a iniziare una nuova vita: quella del giocatore di poker high stakes.

Letterman, il cui patrimonio sembra aggirarsi intorno ai 400 milioni di dollari, sarebbe infatti un grande appassionato di poker e starebbe pensando di trasferirsi a Las Vegas per giocare nelle partite cash più ricche degli Stati Uniti.

La voce, non confermata, avrebbe attirato anche l’attenzione di due noti attori con la passione per il poker: Tobey Maguire e Ben Affleck, che vorrebbero invitare Letterman nelle loro ben note partite private a Los Angeles.

Sam Ganzfried su Claudico e Libratus

Sam Ganzfried, uno dei creatori di Claudico (il poker bot dal quale è derivato anche Libratus), si è recentemente raccontato al Miami Herald, parlando di come ciò che abbia fatto la differenza, nella sfida tra i bot e i giocatori di poker in carne ed ossa, sia stata la capacità dei primi di effettuare puntate non convenzionali.

“A volte puntavano un decimo del piatto, altre volte quattro volte la sua dimensione”, ha spiegato Ganzfried. Non a caso, naturalmente: “Tutto dipende dall’equilibro di Nash, cioè la ricerca della situazione ottimale”.

Non è un caso che un cervellone come Ganzfried, laureato ad Harvard con dottorato alla Carnegie Mellon University, sia riuscito a creare un bot così efficace nel poker: lui stesso è un grande amante del Texas Hold’em.

Nel 2015, infatti, Ganzfried ha partecipato a una puntata di Poker Night in America, dove si è seduto al tavolo (cash, tra l’altro) contro tanti giocatori noti, come ad esempio Phil Laak e Phil Hellmuth.