Le Migliori Strategie di Poker dalla Matematica alla Psicologia

Pokermania Prima Puntata -4

condividi su

Analisi completa della prima puntata del famoso show televisivo dedicato al poker. (Quarta Parte)

Posizioni al tavolo e Chip count:
1 Doyle Brunson 1523
2 Lee Watkinson 4379
3 Pete Lawson 1056
4 Grant Helling 111
5Joe Awada 5th place
6 Tom Lee 6th place
Commento. Povero Grant, oramai per lui l'eliminazione è probabilmente questione di poco, ma non ha colpe a riguardo. Lee prende sempre più il largo e diventa decisamente il favorito alla vittoria.


Decima Mano. Button: Pete; BB: 20; A: 2

Preflop
Grant Q 10 raises all in 109; Grants wins 137
Commento. Grant cerca di rubare almeno i bui.


Undicesima Mano. Button: Grant; BB: 20; A: 2

Preflop
Grant A 3 raises all in 135; Lee 9 8 calls
Grant 57%; Lee 43%
Commento. Se non si tenesse conto dell'enorme vantaggio di Lee, non si potrebbe capire la sua mano, che consiste necessariamente nel cercare di eliminare un altro avversario partendo dalla tranquillità datagli dalla montagna di chips di vantaggio.
Flop 6 3 10
Grant 60%; Lee 40%
Turn 9
Lee 88%; Grant 12%
Commento. La coppia infilata da Lee al turn sancisce probabilmente l'eliminazione di Grant
River 8
Lee wins 288, double pair 9,8; Grant quits, 4th place, 170.175$
Commento. Salutiamo anche Grant da questo tavolo: partita anonima, ma non per colpa sua.


Dodicesima Mano. Button: Doyle; BB: 20; A: 2

Preflop
Lee A K raises 60; Pete A 7 raises all in 665; Lee calls
Lee 70%; Pete 25%
Commento. Il kicker è decisivo nel dare a Lee le maggiori possibilità di vittoria, Lee un po' azzardato forse, ma...
Flop 7 6 2
Lee 16%; Pete 84%
Commento. ... poiché si chiama teoria delle probabilità e non delle certezze, ogni tanto capitano anche di queste cose, e ora è Pete ad avere larghe probabilità di vittoria
Turn 8
Pete 93%; Lee 7%
River J
Pete wins 1336, couple of 7
Commento. La teoria delle probabilità non viene sconfessata due volte, e quindi Pete si porta a casa questo piatto e Lee incassa la sua prima sconfitta in questo tavolo, con la più classiaca delle Anna Kournikova (così è detta la mano A K: bella da vedersi, ma vince poco). Potrà avere effetti su di lui?


Posizioni al tavolo e Chip count:
1 Doyle Brunson 1487
2 Lee Watkinson 3861
3 Pete Lawson 1336
4 Grant Helling 4th place
5Joe Awada 5th place
6 Tom Lee 6th place


Tredicesima Mano. Button: Lee; BB: 20; A: 2

Preflop
Lee A 10 raises 60; Doyle K Q calls
Lee 59%; Doyle 41%
Commento. Buone mani entrambe, e difatti la differenza in percentuali non è drammatica, Lee ha il vantaggio della posizione.
Flop K 9 3
Doyle 87%; Lee 17%
Doyle checks; Lee bets 100; Doyle calls
Commento. Entrambi fanno quello che devono fare: Doyle attua uno slow play per non spaventare l'avversario, Lee non vuole regalare una carta gratis.
Turn K
Doyle 100%
Doyle bets 300; Lee folds; Doyle wins 636
Commento. Qui Doyle rompe gli indugi: non vuole correre rischi contro il chip leader e fa capire che se Lee vuole giocare, deve investire molto sul piatto: infatti Doyle ha puntato tanto quanto c'era in precedenza sul tavolo, e Lee se ne va, non avendo motivo di rischiare poiché è già leader. Probabilmente qualcuno avrebbe continuato con lo slow play, ma Lee non avrebbe fatto secondo me un grosso rilancio al turn, quindi al river quando Doyle avrebbe puntato forte per portare a casa un piatto sostanzioso, Lee se ne sarebbe comunque andato, quindi Doyle non avrebbe guadagnato granché.