Le Migliori Strategie di Poker dalla Matematica alla Psicologia

Pokermania Quarta Puntata -1

condividi su

Analisi completa della quarta puntata del famoso show televisivo di Italia1 "Poker Mania" interamente dedicato al poker. (Prima Parte)

Location:WPT, Foxwoods Resort Casino


Posizioni al tavolo e Chip count:

1Bradley Berman 1705
2Temp Hutter 964
3David Pham 323
4Humberto Brenes 1159
5J. C. Tran 1205
6Tuan Le 1376
Commento. Due esordienti in questo tavolo (Temp e Bradley), uno dei quali è addirittura chip leader. Due puntate fa abbiamo visto Erick, oggi vediamo all'opera suo fratello Humberto, ed infine abbiamo da segnalare J.C. Tran, giocatore aggressivo specializzato nel poker ondine, e Tuan Le, che vanta come mentore niente di meno che Barry Greenstein, ed è un giocatore che ama sempre spingere, qualunque siano le carte.


Prima Mano. Button: Tuan; BB: 24; A: 3

Preflop
David A 5 raises 64; Temp A K re-raises 184; David folds; Temp wins 278
David 32%; Temp 64%
Commento. David è short stack, quindi deve assolutamente giocare non appena gli viene data la possibilità, quindi il suo gioco, seppur da una pessima posizione e con un kicker basso, è giusto. Purtroppo per lui, Temp ha una mano decisamente migliore ed invitante, quindi l'esordiente fa la cosa giusta (anche perché AK è famosa per la sua tendenza a infilare i giocatori in situazioni pericolose) e protegge la sua mano. David non può far altro che lasciare.


Seconda Mano. Button: Tuan; BB: 24; A: 3

Preflop
David A 9 raises 90; Tuan A 4 re-raises 196; David calls 106 all in;
David 55%; Tuan 30%
Commento. Stessa situazione di prima per David: questa volta il kicker è sì più alto, ma, come sottolinea Luca Pagano nella sintesi video, il rilancio maggiore rispetto alla prima mano non è dovuto tanto al fatto che il 9 sia migliore come kicker rispetto al 5, ma soprattutto al fatto che David si ricorda della mano precedente, quindi vuole spaventare gli altri giocatori con un rilancio più aggressivo rispetto al precedente.
Tuan conferma la sua fama di super aggressivo e fa un contro rilancio con delle carte che in genere si passano, anche se le motivazioni di Tuan possono essere duplici: il fatto che David venga dal rilancio strozzato nella mano precedente, e per Tuan quindi David sta provando una specie di bluff, e la posizione di button.
Questa volta David ha una buona occasione: il kicker lo avvantaggia, e se la fortuna lo assiste, può rientrare in gioco.
Vorrei far notare infine come il rilancio di Tuan sia stato calcolato in modo da costringere David all'
all in e che le possibilità di pareggio sono essenzialmente date dal fatto che i kicker dei due giocatori sono entrambi bassi, quindi delle carte più alte sul tavolo vanificherebbero i due kicker di entrambi. Ma...
Flop 10 7 4
David 19%; Tuan 80%
Commento. Tuan infila subito una coppia di 4: ora conduce decisamente lui nel gioco, immeritatamente a parer mio, e le speranze di David sono poste in un 9 o in improbabili scale.
Turn 7
David 6%; Tuan 86%
Commento. Il turn non è favorevole a David, che vede le sue speranze di vittoria ridotte al lumicino e affidate esclusivamente ad un 9. Maggiori sono le sue probabilità di pareggio (che già non sarebbe male, visto come si sta mettendo la mano per lui...): in caso di uscita di un 10 o di un A, infatti, la mano vincente per entrambi sarebbe una doppia coppia con 10 (o A rispettivamente) e 7. In totale, David si ritrova a sperare in tre carte: 9 per la vittoria, A o 10 per il pareggio.
River 6
Tuan wins 446, double pair 7,4; David quits, 6th place, 277 014 $
Commento. David non ha la stessa fortuna di Tuan, e neanche il river lo aiuta: deve uscire subito da questo tavolo, ma non per colpa sua, poiché ha preso rischi che la sua posizione di short stack lo obbligavano a prendere.


Posizioni al tavolo e Chip count:
1 Bradley Berman 1321
2 Temp Hutter 1025
3 Humberto Brenes 1270
4 J. C. Tran 462
Tuan Le 2354
6 David Pham 6th place
Commento. Rispetto al chip count precedente, J. C. è messo decisamente male, anche se la sintesi video non ci ha fatto vedere mani con lui coinvolto direttamente. Tuan sta invece prendendo il largo, mentre gli altri giocatori mantengono le posizioni iniziali.


Terza Mano. Button: Tuan; BB: 24; A: 3

Preflop
Humberto A J raises 75; J. C. A 10 re-raises all in 459; Humberto folds; J. C. wins 585;
Humberto 66%; J. C. 26%
Commento. La statistica evidenzia come ancora una volta l'importanza del kicker sia enorme: le percentuali di vittoria per J. C. sono decisamente minori a causa del J di Humberto contro il suo 10. Eppure, J. C. giustamente rilancia, data la sua posizione di short stack, e Humberto, per non correre rischi inutili visto che avrebbe dovuto mettere nel piatto ancora quasi metà del suo patrimonio per non perdere un piatto non troppo sostanzioso, lascia dopo essersi fatto due conti.


Posizioni al tavolo e Chip count:
1 Bradley Berman 1550
2 Temp Hutter 1030
3 Humberto Brenes 1150
4 J. C. Tran 620
Tuan Le 2380
6 David Pham 6th place
Commento. Posizioni immutate rispetto al precedente chip count.


Quarta Mano. Button: Humberto; BB: 40; A: 5

Preflop
J. C. 3 3 calls; Tuan 6 6 raises 160; J. C. re-raises all in 615; Tuan calls 455
J. C. 19%; Tuan 79%
Commento. Pessima conduzione del preflop da parte di J. C.: un call non serve a niente, poiché o ritieni la coppia di 3 una mano buona, ed allora rilanci per cercare di difendere le tue carte, o se no passi senza troppi rimpianti. Inoltre, se il call di J. C. è una trappola per aspettare il rilancio di un altro giocatore e poi cercare di rubare tale rilancio andando all in e spaventando l'autore di suddetto rilancio, il tentativo è pessimo: una giocata del genere è troppo cervellotica, quindi il primo pensiero dell'avversario sarebbe "Perché prima si è limitato a vedere e ora mi rilancia all in? Secondo me non ha niente di eccezionale e vuole spaventarmi con un all in" e quindi con una lettura del genere un qualunque avversario vede per forza il tuo all in, e andare al flop con una coppia di 3 è praticamente un suicidio.
Tuan fa invece quello che deve fare: rilancia per proteggere la sua coppia e poi legge la mano debole di J. C: in realtà i commentatori americani sottolineano come in mani del genere un giocatore nella situazione di Tuan deve vedere il contro rilancio di J. C. solo nel caso in cui quest'ultimo abbia tante altre chips da provare a rubare nei giri di carte successive. Tuan invece decide di andare contro tale usanza, ed alla fine potrebbe avere ragione.
A mio parere, J. C. doveva spaventare subito i suoi avversari, così ha dato la possibilità a uno di loro di entrare nel gioco, ed ora si trova nella pessima situazione evidenziata dalle percentuali di vittoria assai favorevoli a Tuan.
Flop 9 Q K
J. C. 10%; Tuan 87%
Turn 2
J. C. 5%; Tuan 95%
River 8
Tuan wins 1225, pair of 6; J. C. quits, 5th place, 353 850$

Commento. Ecco i risultati della gestione della mano da parte di J. C.: le cinque carte scoperte non riservano sorprese, e Tuan elimina il suo secondo avversario, punendo la strategia troppo contorta di J. C.