Le Migliori Strategie di Poker dalla Matematica alla Psicologia

Pokermania Quarta Puntata -5

condividi su

Analisi completa della quarta puntata del famoso show televisivo di Italia1 "Poker Mania" interamente dedicato al poker. (Quinta ed Ultima Parte)

Sedicesima Mano. Button: Temp; BB: 100; A: 10

Preflop
Temp K 9 raises 560; Tuan 8 7 calls
Temp 63%; Tuan 37%
Commento. Errore secondo me da parte di Tuan: il suo call è strano, considerando che deve impegnare un quarto del suo patrimonio in una mano con delle carte poco difendibili. In più, se credi alle tue carte, dal momento che 8 7 non sono oggettivamente delle carte irresistibili, devi rilanciare per dare un'immagine di forza e sperare di fregare il rilancio di Temp. In questo modo, ti ritrovi a sperare nel flop.
Flop 4 8 9
Temp 79%; Tuan 21%
Tuan checks; Temp bets 800; Tuan raises all in 1905; Temp calls
Commento. E la speranza di Tuan nel turn è mal riposta: infila sì una coppia di 8, ma il suo avversario ha una coppia di 9 e quindi parte avvantaggiato, considerando inoltre che la coppia di 9 è la coppia migliore che si possa fare con le carte scoperte.
La mossa di Tuan non è sbagliata qui al turn: vede cosa fa il suo avversario e poi gli fa un classico
check-raise per portargli via quanto più possibile: l'errore è stato fatto al preflop.
Questa è la mano decisiva, ma probabilmente il destino ama Tuan perché...
Turn 7
Temp 18%; Tuan 82%
Commento. Ecco la carta che voleva Tuan: un 7 che gli dà praticamente la vittoria in questa mano. Temp, senza aver commesso errori, è in forte svantaggio e si ritrova a sperare in un K per la doppia coppia superiore o in un 9 per il tris.
River 3
Tuan wins 4950, double pair 8,7
Commento. Le carte sperate da Temp non arrivano, e Tuan, con una mano iniziata con un errore, porta a casa un piatto che può risultare decisivo ai fini della vittoria finale.


Posizioni al tavolo e Chip count:
1 Temp Hutter 1670
2 Tuan Le 5060
3 Humberto Brenes 3rd place
4 Bradley Berman 4th place
J. C. Tran 5th place
6 David Pham 6th place
Commento. Tuan ha ora ribaltato la situazione, grazie alla mano precedente, e conduce con gran vantaggio e i favori del pronostico.


Diciasettesima Mano. Button: Temp; BB: 100; A: 10

Preflop
Temp A 5 raises 560; Tuan 7 6 calls
Temp 56%; Tuan 43%
Commento. Piccolo errore di Temp: fa un rilancio che con un numero maggiore di chips a sua disposizione sarebbe stato corretto, ma non in questa situazione: in questo modo a Temp rimangono poche altre chips per sostenere le sue carte e mancano ancora tre giri di rilanci. Comunque, le carte parlano per ora a suo favore
Flop 9 3 8
Tuan 45%; Temp 55%
Tuan bets all in 4690; Temp calls all in 1100
Commento. Ecco cosa intendevo quando dicevo che Temp non avrebbe avuto sufficienti chips per sostenere le sue carte nei turni successivi: infatti Tuan impone il suo gioco, e con 4/5 di scala bilatera va all in col solo scopo di mandare via il suo avversario dal tavolo. Temp, che capisce che passare in questo caso sarebbe solo un rimandare la sconfitta, dato l'impegno corposo in chips che ha preso in questa mano, decide di vedere l'all in: la statistica lo da avvantaggiato, vediamo sei Tuan farà un altro running up (rimonta).
Turn 10
Tuan 100%;
Commento. Peggio di così a Temp non poteva andare: arriva subito il 10 che dà la scala a Tuan, il quale oramai ha matematicamente vinto. Temp, come si dice in gergo, è drawing dead (ossia qualunque carta esca, ha comunque perso)
River 2
Tuan wins 3340, straight 6-10; Temp quits, 2nd place, 973 256 $;
Tuan wins tournament, 1 549 588 $
Commento. Temp paga troppo cara la sua piccola incertezza al preflop: purtroppo per lui, la sfortuna alla sedicesima mano, dove aveva agito da manuale, lo aveva probabilmente già condannato.

Commento finale

Chiariamo subito che se devo scegliere un giocatore in questo torneo, scelgo Humberto: vederlo nella sintesi video è stato uno spettacolo impagabile, inoltre ha subito colto il momento di debolezza di Tuan e lo ha provocato in ogni mano in cui i due erano avversari. Temp ha fatto anche lui un buon gioco, ma non cogliere il segnale di debolezza di Tuan alla settima mano dopo una lettura perfetta delle sue carte, è un errore di debolezza che fa pendere il verdetto a favore del più esperto Humberto.
Sia Temp sia Humberto sono usciti senza colpe, in mani in cui non potevano comportarsi diversamente, tranne eventuali piccole incertezze già evidenziate in questa recensione.

Un commento sulla strategia del vincitore però va fatto: entra in ogni mano, è aggressivo, quindi risulta imprevedibile. Personalmente non mi piace come strategia, soprattutto perché non è sempre accompagnata, come nel caso di un Gus Hansen (un nome a caso) da una lettura geniale delle mani degli avversari (vedere la recensione della puntata del 9 aprile per capire a cosa mi riferisco) ed inoltre Tuan non riesce a nascondere le sue emozioni, mandando segnali che un giocatore esperto, come Humberto in questo caso, nota immediatamente. Comunque, i frutti della sua imprevedibilità si sono visti, ma se non lo accompagnava una bella dose di fortuna, non avrebbe vinto.
La mano decisiva a parer mio è ovviamente la numero 16: Temp ha fatto alla perfezione il suo dovere, ma la sorte ha baciato in fronte Tuan, in maniera immeritata, e gli ha consegnato il torneo.
Segnalo infine le mani dalla 9 alla 11: sono il perfetto esempio di come la psicologia in questo gioco sia essenziale, e di come un giocatore smaliziato se vuole può mettere in difficoltà un iper aggressivo Tuan.