Le Migliori Strategie di Poker dalla Matematica alla Psicologia

Pokermania Seconda Puntata -2

condividi su

Analisi completa della seconda puntata del famoso show televisivo di Italia1 "Poker Mania" interamente dedicato al poker. (Seconda parte)

Sesta Mano. Button: Layne; BB: 50; A: 5

Preflop
Mike 10 9 calls; Patrick J 8 checks
Mike 43%; Patrick 56%
Commento. Mano scialba in questo flop: Mike fa un call sperando che gli altri lo lascino andare al flop senza troppe difficoltà, per tentare una scala. Patrick dal big blind va avanti poiché non gli costa niente.
Flop 6 6 7
Mike 34%; Patrick 63%
Mike checks; Patrick bets 90; Mike calls
Commento. Qui Mike fa check per vedere cosa fa Patrick, il quale ha paura dei due sei usciti in tavola e quindi fa un rilancino piccolo piccolo giusto per vedere come reagisce Mike: al posto di Patrick sarei stato più aggressivo, ma comunque l'unica speranza di Mike si chiama 8.
Turn 8
Mike 90%; Patrick 10%
Mike checks; Patrick checks
Commento. E l'8 arriva: Mike una volta tanto riesce a controllarsi e va in slow play. Comunque, si tratta di slow play per entrambi, data la coppia di 8 di Patrick: peccato per Mike che non sia in posizione: se avesse dovuto parlare per secondo, avrebbe potuto capitalizzare questa mano assai più facilmente. Patrick comunque può uscirne davvero mal concio: una top pair ti rende aggressivo, e la scala di Mike è poco immaginabile in questa mano.
River J
Mike bets 200; Patrick calls; Mike wins 700, straight 7 to J
Commento. Qui Patrick ha un ottimo intuito: il check nel turn di Mike lo insospettisce, magari si aspetta che abbia un tris di 6, quindi al rilancio necessario di Mike (che non poteva fare check, rischiava di vedersi rispondere con un altro check e di non capitalizzare una meravigliosa scala) si limita a rispondere con un call, giusto perché è un peccato foldare una doppia coppia dato il rilancio non troppo spaventoso di Mike.


Posizioni al tavolo e Chip count:

1 Layne Flack 3140
2 Mike Matusow 2395
3 Patrick McMillian 1155
4 Erick Brenes 945
5John Juanda 5th place
6 Vic Fey6th place
Commento. Layne e Mike cominciano a prendere il largo, Patrick si difende bene per un esordiente, e mantiene più o meno le chips che aveva all'inizio del tavolo. Erick invece non ha sin qui avuto gioco, e i bui cominciano a rosicchiargli il patrimonio.


Settima Mano. Button: Mike; BB: 80; A: 10

Preflop
Layne 8 6 raises 200; Layne wins 360
Commento. Layne ruba i bui bene e con una mano non molto giocabile. Difficile immaginare perché la sintesi video abbia fatto vedere questa mano, ma sentendo il commento di Luca Pagano si può capire il perché: egli illustra l'importanza di queste mani, che sono le più numerose al tavolo verde, e che goccia dopo goccia comunque consentono di mettere da parte un bel gruzzoletto, specialmente negli heads up. Insomma, se c'è una cosa da imparare da questa mano, è che non bisogna disprezzare troppo i bui e controbui, e quindi se si è in posizione buona come Layne, che è penultimo a parlare, si possono provare anche queste mosse, con criterio però.


Ottava Mano. Button: Layne BB: 80; A: 10

Preflop
Erick 10 10 raises 240; Patrick A J raises all in 625; Erick calls 385
Erick 60%; Patrick 40%
Commento. Erick vede finalmente delle carte ben giocabili, e poiché questa è la mano migliore che abbiamo visto essergli capitata finora, trova il coraggio di rischiare. Patrick sperava che Erick volesse solo rubare i bui come Layne nella mano precedente, ma la sua non è tutto sommato una situazione disperata: le sue probabilità di vittoria non sono così basse, è quasi quella che in gergo si chiama situazione di coin flip, ovvero del lancio della monetina, ove quindi i due giocatori hanno praticamente le stesse probabilità di vittoria.
Flop Q A 9
Erick 10%; Patrick 90%
Commento. Ed ecco infatti che esce l'asso che ribalta la situazione e dà praticamente la vittoria a Patrick: Erick si ritrova a sperare che esca un dieci in pratica, oppure in un improbabile scala 10-A che richiederebbe l'uscita di un K e di un J.
Turn 5
Erick 5%; Patrick 95%
River 6
Patrick wins 1330, pair of aces
Commento. Ecco la dimostrazione di quanto ho detto nella prima mano: questa mano non ha avuto un grosso ribaltone, non sono venute carte improbabili al turn o al river che abbiano salvato Erick, il quale ora si ritrova a corto di chips.


Posizioni al tavolo e Chip count:
1 Layne Flack 3220
2 Mike Matusow 2555
3 Patrick McMillian 1330
4 Erick Brenes 530
5John Juanda 5th place
6 Vic Fey6th place
Commento. Erick ora, a causa dell'ottava mano in questa sintesi, si ritrova con poche chips. Come reagirà?


Nona Mano. Button: Mike; BB: 80; A: 10

Preflop
Mike 9 6 raises 200; Erick K 7 raises all in 520; Mike folds; Erick wins 800
Commento. Vi ricordate quando vi ho detto che è buona cosa cercare di rubare bui e contro bui, ma con criterio? Ecco un caso in cui il criterio forse non è stato usato: Mike era sì in posizione, ma con delle carte peggiori di quelle di Layne nella settima mano (che almeno aveva una minima speranza di colore o scala) e per di più qui ora vi è uno short stack in situazione disperata come Erick, che quindi deve sfruttare ogni mano giocabile per cercare di risalire nel torneo. Mike viene quindi colto con le mani nella marmellata ed è costretto a passare, recuperando un po' di criterio.


Posizioni al tavolo e Chip count:
1 Layne Flack 3620
2 Mike Matusow 2035
3 Patrick McMillian 930
4 Erick Brenes 1050
5John Juanda 5th place
6 Vic Fey6th place
Commento. Erick ha recuperato qualcosa, ma comunque lui e Patrick appaiono indietro rispetto a Mike e Layne: sapranno andare avanti?