ItaliaPoker > News di Poker > Sorrentino-Bernaudo, Premier Million al final table, Pescatori cuore d’oro

News di Poker

WSOP bracelets

Sorrentino-Bernaudo, Premier Million al final table, Pescatori cuore d’oro

condividi su

Che coppia in vetta al TCOOP, stabilito il tavolo finale del Premier Million, Max Pescatori mette all’asta un braccialetto per una buona causa, Dan Cates torna a parlare di Tom Dwan.

Sorrentino batte Bernando al TCOOP

È iniziato il Turbo Championship Of Online Poker di PokerStars.it ed è subito grande spettacolo. Nell’evento numero 5, un Progressive KO da 250 euro di buy-in, 788 ingressi e un montepremi da 177.300 euro, è stato nientemeno che Andrea Sorrentino a trionfare, portandosi a casa 26.804 euro.

Un’impresa legittimata ancor di più dal fatto che in heads-up ci è arrivato un altro fenomeno del poker online come Antonio Bernaudo, che si è dovuto accontentare di un secondo posto da 17.104 euro. Da segnalare anche il 7° posto di Salvatore Erittu, pugile con la passione per il poker.

1-      ANDREXSORRE €26.804

2-      A.Bernaudo €17.104

3-      pabattista €10.412

4-      ziolex €7.735

5-      laterdani €6.357

6-      The8princess €4.929

7-      toreboxe80 €3.291

8-      OMNatz €2.561

9-      ricciola446 €1.786

Nel Sunday Special da 100.000 euro garantiti, invece, vittoria sfiorata per Raffaele ‘jezebel87’ Bertolucci, che si inchina soltanto a ‘n3v3rAj01’, al termine di un deal a 3 che ha coinvolto anche l’altro giocatore finito sul podio, ‘sfinge26’:

1-      n3v3rAj01 €18.265*

2-      jezebel87 €12.232*

3-      sfinge26 €11.861*

4-      murenAA €7.092

5-      I’M_BROKE999 €5.147

6-      babebelll €3.774

7-      PICCHE63 €2.402

8-      albis72 €1.715

9-      nn_passo_mai €1.401

 

Premier Million: ecco il tavolo finale e il payout

Stabilito il final table del Premier Million, la prima edizione di questo torneo di poker live da 1 milione di euro di montepremi garantito, che si sta svolgendo presso il Casinò Perla di Nova Gorica. Dopo tre giorni di poker super intenso sono rimasti soltanto in 10 a contendersi una prima moneta da 300.000 euro.

A guidare il tavolo finale c’è lo slovacco Stanislav Koleno, super chip leader con 28.790.000 chhip, quasi il doppio rispetto al nostro Lorenzo Santamaria, 2° con 16.230.000 pezzi.

Da segnalare la presenza al tavolo finale di un regular del circuito italiano e internazionale come Francesco Delfoco, anche se l’azzurro è fanalino di coda con appena 3.620.000 gettoni.

1-      Stanislav Koleno 28.790.000

2-      Lorenzo Santamaria 16.230.000

3-      Antonio Siracusano 13.260.000

4-      Roman Schafer 11.970.000

5-      Marco Iodice 7.010.000

6-      Nikola Cokesa 5.755.000

7-      Andrea Matta 5.475.000

8-      Tommaso Ambrosini 4.400.000

9-      Vittore Brugnera 4.075.000

10-  Francesco Delfoco 3.620.000

Ecco il payout riservato ai magnifici 10 del Premier Million:

1-      €300.000

2-      €155.000

3-      €90.000

4-      €65.000

5-      €45.000

6-      €30.000

7-      €21.000

8-      €15.000

9-      €12.600

10-  €9.500

 

Max Pescatori, braccialetto all’asta per Capricchia

Di giocatori che mettono in vendita un braccialetto WSOP ce ne sono stati parecchi nella storia del poker. Di solito, però, succede quando uno di loro si ritrova in ristrettezze economiche.

Non è questo il caso di Max Pescatori, che ha deciso di mettere all’asta il braccialetto vinto nel campionato del mondo di Stud Hi Lo alle WSOP 2015, per una buona causa.

Il Pirata Italiano, infatti, ha deciso di privarsi di questo splendido e significativo monile per raccogliere fondi da destinare a ‘SOS Capricchia’, l’associazione creata da un altro poker player italiano, Cristiano Guerra, che ha come obiettivo quello di aiutare le popolazioni colpite dall’ultimo terremoto.

La base d’asta è di 500 dollari e la vendita si protrarrà per dieci giorni. Per poter mettere le mani sul braccialetto di Max Pescatori, però, bisognerà puntare almeno 6.000 dollari.

 

Dan Cates su Tom Dwan: “È andato oltre i suoi mezzi”

Sembra che il 2017 possa essere l’anno giusto per riprendere la famigerata ‘durrrrr Challenge’, la sfida high stakes tra Daniel Cates e Tom Dwan.

Quest’ultimo ha avuto parecchi problemi negli ultimi anni, tanto che hanno cominciato a circolare strane voci: è stato rapito, ha problemi con la criminalità organizzata, ha perso tutto, e via dicendo.

Nei giorni scorsi, proprio ‘jungleman12’ è tornato a parlare di ‘durrrr’, spiegando come secondo lui Dwan “abbia giocato d’azzardo oltre le sue possibilità”, suggerendo di fatto come il buon Tom abbia investito nel gioco (non necessariamente soltanto poker) denaro che in realtà non era in suo possesso.

Cates ha inoltre dichiarato che Dwan si è dimostrato collaborativo ultimamente e che i due stanno lavorando per cercare di concludere la sfida entro quest’anno: “So che lui è impegnato in alcune cose molto importanti in questo periodo”, ha specificato Cates, “ma sono fiducioso”.

Commenti

Posta il tuo commento

Commenti

Nessuno ha commentato questa pagina