ItaliaPoker > News di Poker > Speciale WSOP 2016: Fedor Holz cannibale, Main Event da record, Maguire re dell'online
speciale wsop 2016 11

Speciale WSOP 2016: Fedor Holz cannibale, Main Event da record, Maguire re dell'online

condividi su

Fedor Holz ha vinto il One Drop, numeri in crescita per il Main Event, Maguire vince l'Evento 66, una donna gioca il Main Event controvoglia.

Fedor Holz da urlo: suo il One Drop High Roller

111.111 dollari di buy-in per un primo premio di quasi 5 milioni. Un Fedor Holz pigliatutto si aggiudica il One Drop High Roller delle WSOP 2016, dopo che nelle scorse settimane aveva vinto addirittura tre High Roller all'Aria Casino di Las Vegas.

Una prestazione mostruosa, quella del fenomeno tedesco, che però è stato davvero aiutato dalla fortuna. Holz ha vinto praticamente tutti i colpi decisivi, spesso partendo in svantaggio (e anche nettamente), superando infine in heads-up Dan Smith e conquistando così il primo braccialetto della sua giovane carriera.

Una carriera che però potrebbe incredibilmente già essere finita. Appena dopo la conclusione del torneo, infatti, Holz ha dichiarato di interpretare questa sua ennesima vittoria come una "via d'uscita dal poker", esprimendo inoltre la volontà di provare altre cose.

1)      Fedor Holz $4.981.775

2)      Dan Smith $3.078.974

3)      Koray Aldemir $2.154.265

4)      Jack Salter $1.536.666

5)      Brian Green $1.117.923

6)      Joe McKeehen $829.792

7)      Nick Petrangelo $628.679

8)      Niall Farrel $486.383

 

Main Event WSOP 2016: mai così bene dal Black Friday a questa parte

Altro che crisi. Se le World Series of Poker sono da sempre la cartina al tornasole della salute del poker mondiale, il Main Event WSOP 2016 è la testimonianza che il 'giochino' è vivo e vegeto e non se la passa certo male.

Grazie ai 4.240 iscritti al Day 1C, che si vanno a sommare ai 2.497 di Day 1A e Day 1B, il Main Event delle World Series of Poker 2016 è il più partecipato delle ultime cinque edizioni. Il record recente precedente è infatti del Main Event delle WSOP 2011, quando Pius Heinz batté un field di 6.865 giocatori.

L'anno scorso, nel Main Event vinto da Joe McKeehen (e con Federico Butteroni tra i November Nine), gli iscritti furono 'solo' 6.420. Nel 2014, l'anno del trionfo di Martin Jacobson, si iscrissero 6.683, mentre nel 2013 di Ryan Riess campione del mondo gli iscritti furono 6.352. Detto dei 6.865 del 2011, l'anno dopo il Main Event vinto da Greg Merson attirò 6.598 player.

Certo, probabilmente non vedremo più gli 8.773 iscritti del Main Event WSOP 2016 vinto da Jamie Gold, visto che il boom del poker è ormai alle spalle, ma la crescita di quest'anno è sicuramente un trend positivo.

 

Clayton Maguire fa suo l'evento online/live delle WSOP 2016

Anche quest'anno le World Series of Poker hanno proposto, per la seconda edizione di fila, il torneo misto online-live: la prima fase si è giocata su WSOP.com, la seconda - con i sei finalisti - si è giocata invece live, al Rio Hotel & Casino di Las Vegas - la sede ormai storica delle World Series of Poker.

L'ha spuntata Clayton Maguire, giocatore che risiede proprio a Las Vegas e che in realtà è un cash gamer. Dietro di lui il bulgaro Simon Naydenov, che ha sfiorato così il secondo braccialetto alle WSOP 2016, dopo quello vinto a inizio serie.

Al 3° posto troviamo il canadese Marc-Olivier Carpenter, che ha preceduto gli americani Spencer Taylor e Richard Tuhrim. Sesto e ultimo classificato del tavolo finale Park-Yu Cheung, giocatore di Hong Kong.

1)      Clayton Maguire $210.279

2)      Simon Naydenov $150.569

3)      Marc-Olivier Carpenter $110.172

4)      Spencer Taylor $82.926

5)      Richard Tuhrim $59.233

6)      Park-Yu Cheung $46.201

 

Marito le regala il Main Event, lei fa di tutto per uscire

Curioso siparietto durante il Day 1B delle WSOP 2016. Come raccontato da Danielle Anderson sul suo profilo Twitter, una donna si è seduta al suo tavolo per giocare il Main Event assolutamente controvoglia. Il fatto è che, a quanto pare, il marito ha voluto regalarle per il suo compleanno un torneo da 10.000 dollari. Per il suo 'di lui', tra l'altro.

La donna ha evidentemente giocato giusto per accontentare il marito nel giorno del suo compleanno, ma ha fatto davvero di tutto per essere eliminata, compreso andare all-in in overpot al buio e pre-flop.

Alla fine, racconta la Anderson, la donna è riuscita a farsi eliminare (dopo aver chiesto al dealer se poteva andarsene distribuendo le chip equamente al resto del tavolo!) quando la sua top pair è stata superata da un set dell'avversario.