ItaliaPoker > News di Poker > Speciale WSOP: Doppiette di Braccialetti, Riflettori su Mateos e Urbanovich

News di Poker

speciale wsop 2016 5

Speciale WSOP: Doppiette di Braccialetti, Riflettori su Mateos e Urbanovich

condividi su

Sono ben 3 i giocatori che finora hanno messo al polso sue braccialetti alle WSOp 2016. intanto due giovani stelle del poker hanno gli occhi puntati addosso.

Doppietta per Benny Glaser nell’Omaha

Il giocatore britannico è al suo secondo braccialetto in questa edizione delle WSOP sulla scia di Jason mercier, e siamo ancora a metà della competizione.

Chissà che Benny non riesca addirittura a centrare una tripletta in wueste World Series dove nell’Omaha sembra non avere rivali.

In effetti il player britannico con più di 800.000 dollari vinti solo alle WSOP è proprio un esperto di Omaha High-Low Split.

Dopo la vittoria del secondo braccialetto ha dichiarato:

Questo risultato è stato il più soddisfacente per varie ragioni. Intanto il final table è stato rispreso in diretta live  e in più il premio in denaro era più grosso del precedente!”

L’impresa di Glaser è eccezionale ma non unica proprio in una edizione che sembra celebrare le doppiette: non solo Mercier infatti ha messo al polso due braccialetti ma anche Ian Johns.

Se vogliamo parlare di imprese però il giocatore britannico ha dalla sua una percentuale di successo altissima considerando che può contare solo su 6 piazzamenti a premio alle WSOP, due dei quali si sono trasformati in un braccialetto!

 

Dalla Russia con furore

Si sono fatti attendere un po’, ma alla fine i giocatori russi stanno dimostrando ancora una volta di essere particolarmente agguerriti, soprattutto sul suolo americano.

Due vittorie una dietro l’altra infatti hanno subito attirato l’attenzione dei media sul potenziale dei giocatori russi.

Il 34enne Viatcheslav Ortynskiy ha fatto suo l’evento 30, Pot Limit Omaha, conquistando il suo primo braccialetto in carriera, dopo esserci andato molto vicino nel 2013.

Il torneo ha attirato 590 partecipanti generando un montepremi di 1,5 milioni di dollari dei quali $344,327 sono andati nelle tasche del russo insieme con la soddisfazione di avere aperto le danze per il suo paese alle WSOP 2016.

Segue poi Andrey Ziachenko, 38enne di Mosca, anche lui vicino in passato, nel 2011 per l’esattezza, a vincere un braccialetto. Ci riesce nel 2016 nell’evento 34 portando a casa una prima moneta di $117,947 che si aggiunge agli oltre 30 piazzamenti a premio alle WSOP per Andrey che ha vinto più di un milione di dollari finora.

Un riconoscimento meritato per un giocatore che da anni tiene alti i colori del suo paese: “In Russia abbiamo davvero tanti bravissimi giocatori di poker, per me è un onore aggiungere il mio nome tra i loro!”

 

Giovani talenti alla riscossa

Mentre Jason Mercier continua ad attirare l’attenzione dei media quasi oscurando tanti altri big in gara, primo fra tutti Daniel Negreanu, ci sono alcuni giovani talenti che non passano inosservati.

Tutti gli occhi sono infatti puntati su due giocatori in particolare dai quali in queste WSOP ci si aspetta molto.

Il primo in assoluto è Dimitry urbanovich alle sue prime World Series. Il player è stato in grado di macinare vittorie su vittorie lo scorso anno, soprattutto nel circuito EPT, ed ora che si trova a Las Vegas tutti si aspettano grandi cose da lui. Per ora è andato a premio nel primo torneo a cui ha preso parte, l’evento #30, facendo tremare Vanessa Selbst che ha scommesso contro di lui.

Meglio ancora di lui lo spagnolo Adrian Mateos che alle sue prime WSOP ha subito incassato un braccialetto e quest’anno è intenzionato a replicare. Intanto la Spagna ha già registrato il suo primo successo con cesare Garcia, portando a 4 braccialetti il totale del paese. Mateos potrebbe essere il secondo spagnolo delle WSOP 2016 a portare a casa il titolo. Per ora ha segnato un 12esimo posto nell’evento #9 e un 24esimo nell’evento #25, per poi trovarsi al momento come chipleader nell’evento #33 a 17 giocatori rimasti.

Riuscirà Adrian a mettere al polso il secondo braccialetto in carriera?