ItaliaPoker > News di Poker > Stevanato e Gala battono un colpo, il programma di Negreanu, la prop bet del McDonald's

News di Poker

Mcdonalds logo

Stevanato e Gala battono un colpo, il programma di Negreanu, la prop bet del McDonald's

condividi su

‘steva10’ e ‘scellone9477’ protagonisti online, Daniel Negreanu svela i suoi piani, scommesse folli al McDonald’s, chiude la storica PKR.

Stevanato e Gala show online

Luca Stevanato, alias ‘steva10’, è riuscito ad arrivare al tavolo finale del Sunday Special di PokerStars.it, che anche domenica ha superato il montepremi garantito di 100.000 euro. Il noto grinder azzurro però non è andato oltre l’8° posto, piazzamento che gli è valso un premio di poco meno di 2.000 euro.

Alla fine l’ha spuntata ‘fortuna1717’, che si è intascato poco meno di 20.000 euro, non prima di aver raggiunto un accordo con ‘IoSoyElMoro’ e ‘AllBoutYou’, rispettivamente 2° e 3° classificato per un premio di 14.278 e 13.147 euro.

Così il final table del Sunday Special di domenica 7 maggio 2017:

1-      fortuna1717 €19.818*

2-      IoSoyElMoro €14.278*

3-      AllBoutYou €13.147

4-      PokerManzo92 €7.877

5-      espo1010 €5.957

6-      AllaCass4 €4.368

7-      marco90 €2.780

8-      steva10 €1.985

9-      teamzeus94 €1.588

Chi ha fatto meglio è stato invece Domenico ‘scellone9477’ Gala, che nel Sunday Challenge da 40.000 euro garantiti ha sfiorato la vittoria. Gala ha ceduto soltanto in heads-up a ‘glen20085’, accontentandosi di una seconda piazza da 5.295 euro. Al vincitore, invece, sono andati poco più di 7.000 euro:

1-      glen20085 €7.099

2-      scellone9477 €5.295

3-      puntomatcman €3.785

4-      lupin80400 €2.591

5-      THEGRINDERS89 €1.960

6-      v.moscarda €1.509

7-      zinedineAK €1.059

8-      IoSonPazz75 €609

9-      goruz22 €383

Daniel Negreanu anticipa i suoi piani estivi

Daniel Negreanu 2015 WSOP Day 5 2

Dalle pagine del suo blog personale, Daniel Negreanu – come spesso gli capita – ha deciso di far conoscere ai suoi fan i suoi piani estivi. Perché si sa, per i pokeristi estate fa rima con World Series of Poker.

Lo schedule del Kid Poker inizierà il 31 maggio e si concluderà soltanto il 10 luglio (sempre che non rientri tra i November Nine, ovviamente). Alle WSOP 2017, il canadese spenderà circa 384.600 dollari di buy-in, ma non è tutto: Negreanu giocherà anche il Super High Roller Bowl da 300.000 dollari, tre High Roller (da 100.000, 25.000 e 10.000 dollari) all’Aria e due High Roller di 10-Games (da 25.000 e 10.000 dollari) al Bellagio.

Insomma, l’estate costerà a Daniel Negreanu circa un milione di dollari, che il canadese ha deciso di pagare interamente di tasca sua – in un epoca storica del poker dove vendere le quote è ormai diventata una prassi.

Il pro di PokerStars intende guadagnare almeno 1,5 milioni di dollari (per un profitto di circa mezzo milione, dollaro più dollaro meno) e soprattutto tornare a vincere un braccialetto WSOP. Anzi, Negreanu vorrebbe conquistarne addirittura tre in una sola edizione delle World Series, oltre a laurearsi WSOP Player of the Year.

Prop bet assurda: mangiare $1.000 di cibi al McDonalds in 36 ore!

Dan Bilzerian ci ha abituato a scommesse pazzesche, ai limiti della follia. Questa volta il Self-Proclaimed King of Instagram non ha nulla a che fare con l’ultima assurdità, anche se è stato lui a raccontare ai suoi fan di che cosa si tratta.

A quanto pare, tale Mike Noori (professionista di Los Angeles) avrebbe accettato di ingurgitare $1.000 di cibo al McDonald’s entro 36 ore di tempo. Ma se pensate che Noori potrà semplicemente tracannare Coca Zero a più non posso, vi sbagliate di grosso.

La scommessa, infatti, è strutturata in modo tale che qualsiasi bevanda non conti ai fini del raggiungimento dei $1.000. Va bene, direte voi, c’è sempre l’insalata. E invece no: al massimo, Noori potrà mangiare fino a $200 di verdure!

Farewell, PKR!

pkr

Qualche giorno fa, una notizia a scosso i fan di vecchia data del poker online: la chiusura di PKR. Per chi non la conoscesse, PKR è una storica poker room online inglese molto particolare e diversa dalle poker room ‘normali’.

PKR, infatti, era più simile a un videogame che a una vera e propria poker room. Si poteva giocare e vincere soldi veri, naturalmente, ma la particolarità di PKR era la possibilità di personalizzare gli avatar: non semplici immagini statiche racchiuse in una cornicetta, ma personaggi tridimensionali in grado di muoversi e parlare, persino.

Un progetto forse all’epoca troppo innovativo per non risultare di nicchia. Sta di fatto che dopo oltre dieci anni di onorata carriera, PKR ha dovuto chiudere i battenti perché ormai fuori mercato. Con buona pace dei suoi (comunque tanti) aficionado.