Le Migliori Strategie di Poker dalla Matematica alla Psicologia

Strategia del poker per principianti - imparare le strategie di poker online - Pokerroomsonline.com

condividi su

Esistono una serie di idee e concetti validi per tutte o, almeno, per la maggior parte delle varianti del poker. Nell'ambito di questa sezione cercheremo di spiegare come fare tesoro di questi suggerimenti e metterli a frutto nella variante più popolare del gioco del poker, il Texas Hold'em.

Mano di partenza

Non giocare troppe mani: questo è il primo suggerimento per chi si avvicina al gioco del poker. Tradotto significa "gioca sicuro". È importante partire dal presupposto che è molto probabile che uno dei tuoi avversari abbia una mano migliore rispetto alle carte che hai in mano. Naturalmente avrai sempre l'opportunità di pescare carte migliori dal mazzo, ma ricorda che nella maggior parte dei casi se cominci con una mano poco fortunata, è difficile che dopo la distribuzione delle carte, in gergo "flop", tu possa ritrovarti con la migliore mano tra tutti i partecipanti.

Questo significa che devi scegliere di continuare una mano solo quando hai in mano sin dalla partenza carte decenti. Ma come puoi sapere quando le carte sono decenti? Diciamo che se parliamo del Texas Hold'em, una buona mano di partenza è costituita essenzialmente da due carte alte o una coppia. AK e AQ sono ad esempio mani robuste, così come le coppie da AA a 99,

Il gioco diventa più complicato quando hai in mano due carte non molto alte o una coppia più bassa. Se hai in mano AJ, AT, KQ le tue carte potrebbero anche essere buone in teoria, ma è sufficiente che i tuoi avversari abbiano combinazioni come AK o AQ e finiresti per passare dei guai se peschi brutte carte dal mazzo.

Coppie da 88 in giù costituiscono mani che si possono anche giocare, ma il flop spesso riserva una o due carte superiori. Per cui se un altro giocatore è fortunato con il mazzo, probabilmente finiresti per essere battuto. Più è bassa la coppia che hai in mano, maggiore sarà la probabilità di pescare carte migliori dal mazzo. Se vuoi partecipare alla mano e hai in mano, ad esempio, 22, è quasi obbligatorio che il mazzo ti riservi un terzo 2.

Posizione al tavolo da gioco

Nel gioco del Texas Hold'em, l'ordine con cui intervengono i giocatori non cambia nel corso di una mano. Questa premessa suggerisce con estrema chiarezza l'importanza della posizione iniziale al tavolo verde, vale a dire dove ti siedi nell'ordine di gioco.

Se ti spetta una delle ultime posizioni significa che sarai il giocatore che ha il mazzo o quello immediatamente alla sua destra. In questa posizione, giocherai per ultimo. Giocare per ultimo costituisce un grande vantaggio, in quanto al momento del tuo turno sei già al corrente delle intenzioni degli altri giocatori. Se occupi, invece, una delle prime posizioni, non sai mai cosa aspettarti dai giocatori che ti seguiranno nell'ordine di gioco. Non puoi avere alcun tipo di indicazione sul valore delle carte che hanno in mano.

Per questo motivo è un vantaggio essere nelle posizioni finali dell'ordine di gioco e, di conseguenza, in questa posizione puoi giocare più mani di quante tu non possa fare quando ti trovi a essere tra i primi a giocare. Combinazioni come AJ o 44 sono decisamente più facili da giocare quando si è tra gli ultimi. Se, infatti, il mazzo non ti dice bene e hai qualcuno prima di te che ha puntato forte, è semplice rinunciare. Se non punta nessuno, la tua mano potrebbe essere davvero buona e puoi quindi procedere e giocartela con una certa fiducia.

Giocare convinti

Uno degli errori che si pagano più a caro prezzo nel gioco del poker è quello di essere troppo "timidi" quando si punta. Quando si decide di partecipare al piatto, occorre cercare di creare disagio ai tuoi avversari che cercheranno di sottrarti la posta. Puntare forte ha una serie di vantaggi. In primo luogo impedisce ai tuoi avversari di guardare la carta successiva senza puntare denaro e migliorare di conseguenza la propria mano. Non si può impedire agli avversari di vederti una carta, ma bisogna fare in modo che paghino per poterlo fare.

In secondo luogo, ogni volta che si punta, esiste la possibilità che uno dei tuoi avversari lasci il gioco e le possibilità di conquistare il piatto aumentano man mano che diminuisce il numero dei partecipanti alla mano. Nel caso in cui tutti abbandonassero il gioco, è persino possibile aggiudicarsi l'intero piatto senza mostrare le carte che hai in mano.

Suggerimenti specifici per l'Omaha

Nella variante Omaha del gioco del poker, le mani iniziali prevedono un numero di carte doppio rispetto al gioco del Texas Hold'em. La prima cosa da tenere a mente, in questo caso, è che le combinazioni tra due carte non raddoppiano ma si moltiplicano per 6!

Per capire meglio il concetto, la combinazione AKJT, ad esempio, può essere scomposta in sei discrete combinazioni di due carte: AK, AJ, AT, KJ, KT e JT.

Questo è il motivo per cui nel gioco dell'Omaha, quando si scoprono le carte mediamente le combinazioni sono decisamente migliori di quanto non accada nel poker Texas Hold'em. Quando, ad esempio, tra le carte comuni vi sono tre carte dello stesso seme, in genere un giocatore ha in mano colore, e così via.

Per questo è necessario essere molto attenti a scegliere la mano di partenza. È preferibile, ad esempio, che tutte le quattro carte disponibili siano in qualche modo collegate, per seme od ordine. Ad esempio una combinazione del tipo 8766 è più forte di AK83.

Suggerimenti specifici per il 7-Card-Stud

7-Card-Stud è una variante molto diversa del gioco del poker rispetto al Texas Hold'em per il fatto che si vede un maggior numero di carte. Già a partire dal primo giro di puntate, spesso si vedono dieci o più carte, un numero superiore rispetto a quelle che si scoprono in una mano completa di Texas Hold'em.

Per far tesoro di queste informazioni, è necessario tenere a mente le carte morte, vale a dire le carte che sono state scartate da altri giocatori. Se non puoi contare su una memoria di ferro, puoi almeno cercare di osservare e ricordare le carte scartate che potrebbero essere importanti per te o per un tuo avversario.

Se, ad esempio, hai in mano tre cuori, potrebbe non valere la pena cercare di puntare al colore, se hai visto che gli altri giocatori hanno in mano cinque carte di cuori.