ItaliaPoker > News di Poker > TCOOP 2017 Main Event, il Governo batte cassa, il poker.eu si avvicina

News di Poker

tom dwan

TCOOP 2017 Main Event, il Governo batte cassa, il poker.eu si avvicina

condividi su

Scopriamo chi ha vinto il Main Event del TCOOP 2017, il Governo vuole altri soldi dal gaming, l’ARJEL affretta i tempi per la liquidità condivisa, Dwan-Cates non si fa?

TCOOP 2017 Main Event: vince ‘giopennix’

Il Main Event da 100 euro ha chiuso il Turbo Championship Of Online Poker 2017, sfondando nettamente il montepremi garantito da 200.000 euro. Sono stati 3.334, infatti, i player iscritti, per un garantito volato così oltre i 300.000 euro. L’evento è stato caratterizzato dalla modalità Speed Down, grazie alla quale la velocità della struttura rallentava nelle fasi finali.

A godere del premio più alto messo in palio, quello del vincitore, è stato ‘giopennix’, che si è intascato ben 43.180 euro. Nessun deal al tavolo finale del Main Event, con ‘canenero73’ relegato ad una 2° piazza da 30.530 euro.

Così il tavolo finale del TCOOP 2017 Main Event:

1-      giopennix €43.180

2-      canenero73 €30.530

3-      GandreFuga21 €21.588

4-      lupin631 €15.265

5-      XVIIVIXIII €10.794

6-      Xhungryf1shX €7.632

7-      FireNightmar €5.397

8-      ricciola446 €3.816

9-      Cagemc €2.698

Il Governo pensa ad una nuova tassa sul gioco

La Commissione Europea ha recentemente sottolineato – per l’ennesima volta – come i conti pubblici del nostro Paese vadano risanati. Spesso quando occorre una manovra correttiva i Governi vanno a toccare due grandi classici: sigarette e benzina. Un piccolo aumento delle accise e il gioco è fatto: ecco un po’ di soldi.

Ma ormai gli italiani hanno capito il giochino e si sono resi perfettamente conto che questo continuo aumentare le accise significa semplicemente aumentare le tasse dirette. E allora il Governo starebbe pensando ad una nuova tassa unica sul gaming, dove a pagare sarebbero gli esercenti – agenzie di scommesse incluse.

I conti dell’Italia, secondo le direttive di Bruxelles, sono in rosso di 3,4 miliardi. Il Governo conterebbe di raccogliere 1,5 miliardi proprio dal settore del gaming, il cui regime fiscale è però già decisamente elevato.

L’ARJEL conferma: “Presto la liquidità condivisa nel poker online”

Se ne parla da anni, ma ormai i tempi sembrano maturi. Nel consueto report annuale, non a caso, l’ARJEL – l’equivalente francese dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli – ha di fatto messo nero su bianco l’apertura del cosiddetto poker.eu. Non c’è ancora una data precisa, ma il termine utilizzato nel report (“imminente”) fa pensare che tutto possa essere pronto nel giro di pochi mesi.

Probabilmente la liquidità condivisa nel poker online europeo potrebbe avvenire prima dell’estate, visto che anche il DGOJ – l’autorità spagnola per il gioco d’azzardo – in chiusura del 2016 aveva ipotizzato la metà del 2017 come periodo ideale per aprire il poker .eu.

A beneficiare di questo mercato aperto dovrebbero essere, oltre a Francia, Italia e Spagna, anche Portogallo e Regno Unito. Non che di ostacoli da superare non ce ne siano più, ma a quanto pare il processo è arrivato a buon punto.

Resta ancora da capire quale regime fiscale verrà adottato. Quello francese, ad esempio, è molto più svantaggioso rispetto all’italiano: bisognerà vedere se i Paesi riusciranno a trovare un fronte comune.

Tom Dwan vs Dan Cates, sfida annullata?

Recentemente Daniel Cates è tornato a parlare della celeberrima ‘durrrr Challenge’, ipotizzando una ripresa delle ostilità. Secondo Highstakesdb, invece, Tom Dwan non arriverà mai a sedersi nuovamente ai tavoli degli high stakes online in heads-up contro ‘jungleman12’. Il motivo? Molto semplice: la paura di perdere.

Il noto sito specializzato nella raccolta dei dati ritiene che Dwan fosse già nel 2009 molto meno bravo nel No Limit Hold’em heads-up rispetto a Dan Cates, gap che si sarebbe ampliato in questi ultimi anni.

Ricordiamo che la ‘durrrr Challenge’ si è fermata a 20.000 delle 50.000 mani previste, con Daniel Cates in vantaggio di circa 1,2 milioni di dollari. Mentre ‘jungleman12’ ha continuato a giocare online, Dwan è praticamente sparito dalle scene: secondo Highstakesdb è dunque impossibile che oggi ‘durrrr’ sia all’altezza del rivale.

Commenti

Posta il tuo commento

Commenti

Nessuno ha commentato questa pagina