ItaliaPoker > News di Poker > Tureniec vince il Little One, i numeri delle WSOP 2016, Viktor Blom nel baratro

News di Poker

speciale wsop 2016 13

Tureniec vince il Little One, i numeri delle WSOP 2016, Viktor Blom nel baratro

condividi su

Alla Svezia l’ultimo braccialetto estivo, le WSOP 2016 in cifre, Fedor Holz non lascia il poker, ‘Isildur1’ in difficoltà.

Michael Tureniec si aggiudica il Little One for One Drop

L’ultimo braccialetto della sessione ‘estiva’ delle WSOP 2016 è andato allo svedese Michael Tureniec, che si è aggiudicato il Little One for One Drop, il torneo da 1.111 dollari organizzato dalla fondazione One Drop per raccogliere fondi affinché l’acqua potabile sia disponibile anche nei territori del terzo mondo.

Tureniec ha superato in heads-up Calvin Anderson, portandosi a casa una prima moneta da 525.520 dollari. Al tavolo finale anche Ryan D’Angelo, che si è dovuto accontentare – per modo di dire – di 239.232 dollari.

Tra l’altro, la vittoria di Tureniec è importante anche perché ora la Svezia ha vinto un totale di 10 braccialetti alle World Series of Poker, superando l’Italia che, complice una campagna non proprio esaltante quest’anno, è rimasta ferma a 9.

Ecco il payout del Little One for One Drop:

1)      Michael Tureniec $525.520

2)      Calvin Anderson $324.597

3)      Ryan D’Angelo $239.232

4)      Sam Ho $177.695

5)      Thai Tolly $133.028

6)      Lucas Blanco $100.380

7)      Sam Alshurieki $76.351

8)      Shai Zurr $58.543

9)      Guillaume Diaz 45.254

 

Le WSOP 2016 in numeri

Parlando proprio di Italia, le WSOP 2016 non ci hanno regalato braccialetti, ma a livello assoluto non siamo andati poi così male. Il rapporto percentuale tra premi raggiunti e iscrizioni ‘tricolori’ è del 20,5% (135 itm su 658 iscrizioni), il secondo più alto dopo la Germania. In totale, gli italiani hanno incassato circa 1,3 milioni di dollari, con l’highlight dei 187.576 di Dario Sammartino.

Sono cinque i giocatori azzurri arrivati ad un final table delle WSOP 2016: due volte Max Pescatori, una volta Alessio Di Cesare, una volta Alessandro Borsa e una volta l’esordiente Raffaele Castro. Tre i premi a 5 zeri, incassati come detto da Sammartino, da Borsa e da Di Cesare.

In generale, le WSOP 2016 hanno fatto segnare il record assoluto di iscrizioni, ben 107.833, e la media più alta di iscrizioni per ciascun torneo, 1.563. Il Day 1C del Main Event, con 4.240 iscritti, è stato il più partecipato di sempre, mentre il torneo di PLO da 565 dollari ha stabilito il record per il torneo più partecipato di sempre non dedicato al Texas Hold’em, con  2.483 iscritti.

 

Fedor Holz cambia idea: non lascia il poker, almeno per ora

Dopo aver vinto il One Drop High Roller alle WSOP 2016, Fedor Holz aveva paventato l’ipotesi di mollare il poker professionistico, per dedicarsi ad altro. A mente fredda, il giovane campione del Texas Hold’em pare che abbia cambiato idea, tornando almeno parzialmente sui propri passi.

O forse è stato un problema di mancata comprensione, visto che la notizia di un possibile addio di Holz al poker professionistico era stata data dal sito delle WSOP.com, che aveva intervistato il giocatore subito dopo la vittoria nel torneo milionario.

“Credo che io sia stato frainteso”, ha dichiarato Holz in una recente intervista: “Rimarrò ancora nel circuito. Giocherò l’EPT di Barcellona, giocherò l’Aussie Millions e magari farò una capatina a Macao e a Las Vegas, oltre che a Montecarlo”.

 

Viktor Blom non vince più: è sotto di $1 milione

Come sempre durante le WSOP, i tavoli del cash game high stakes online si svuotano dei campioni. Viktor Blom non ha partecipato ai mondiali di Las Vegas, ma era comunque da un po’ che non lo si vedeva bazzicare i tavoli degli ‘squali’.

Lo ha fatto solo di recente, cominciando con il piede giusto, ma il suo 2016 non è al momento all’altezza del 2015. Negli Eight-Games, per esempio, il giocatore svedese è davvero in difficoltà, visto che nei primi sette mesi dell’anno ha già perso qualcosa come 988.000 dollari.

Il fenomeno scandinavo deve sommare a questo passivo annuale anche il segno “meno” nei Draw Games, dove ha perso circa 279.000 dollari. A onor del vero, le cose gli vanno abbastanza bene nel Pot Limit Omaha: nella versione classica quest’anno ha vinto 277.000 dollari, mentre nel Pot Limit Omaha Hi Lo ne ha vinti 181.000.