Le Migliori Strategie di Poker dalla Matematica alla Psicologia

Usare le Note nel Poker Online

condividi su

Prendere appunti sui propri avversari durante le partite di poker on line può riverlarsi un'arma importantissima.

La qualità che differenzia due creature diverse come il poker on line e quello dal vivo è il contatto umano; uno sguardo, il nervoso tambureggiare delle dita, la scansione del respiro sono cesellature a cui il giocatore della rete deve imparare a fare a meno. Non solo: essere seduti di fronte ad un monitor e giocare conoscendo solamente i nome degli avversari (il più delle volte delle estemporanee accozzaglie come bEnPiNg16) non aiuta a ricordarci di loro nelle future sessioni di gioco; svaniscono nella nostra mente come"un altro screen name".

Le player notes sono lo strumento più importante per arrestare la deriva di queste preziose informazioni: in molte stanze da gioco un click con il tasto destro sul nome del nostro avversario aprirà una finestra bianca dove scrivere le nostre informazioni; basterà ripassare sopra il nome per riportare in vista le nostre note.

Ma che scrivere? E come scriverlo? Una buona nota somiglia ad un lancio di agenzia: sintetica e rilevante, "ovvero pronta per essere usata". Ricordate che saranno queste poche righe a fare la differenza, quando dovrete decidere se vedere un rilancio all-in.

Incominciamo con un esempio di nota che contraddice integralmente i principi esposti:

[rebester1]
pollo, parla molto, simpatico, raise KK

Al tavolo finale di un prestigioso torneo on line dobbiamo decidere se assestare un bluff contro il signor rebster1. è una scelta rischiosa, cosa ci suggeriscono le note? Sappiamo che è un cordiale chiacchierone, quindi lo aggiungeremo ai nostri contatti di messenger, ma non ora, siamo in mezzo a una partita a carte! Allora, vediamo... è un pessimo giocatore, sì! Ma che significherà, che vede troppo? Che bluffa troppo? Che è troppo timido? Passiamo all'ultimo scampolo di informazione: "raise KK". Ok, il nostro rebster1 rilancia forte quando ha due Re in mano... mhhh, non sembra discostarsi molto dal comportamento del resto del mondo.

In buona sostanza, 41 caratteri di vuoto pneumatico. Ora invece, quello che dovreste scrivere:

 

1 Lasco o Regolare? Aggressivo o meno?  Se il vostro foglio è bianco, sono sempre questi i tratti da cui incomincerete la vostra indagine. Annotazioni supplementari senza questi presupposti rischiano di essere scarsamente utili o causa di confusione (a che serve conoscere le mani di partenza predilette dal nostro avversario se non sappiamo come le giocherà?).

2 Barrels: un brillante concetto formulato da Robert Ciaffone nel suo libro "Improve your Poker". In poche parole i barrels sono il numero di scommesse che servono per cacciare l'avversario dalla mano. Molti giocatori, se non hanno legato un punto sul Flop, si ritireranno contro una puntata (e questi sono gli 1 barrel players); altri, nel timore di essere contro un bluff o nella speranza di una carta favorevole, hanno bisogno di due scommesse, una sul Flop e una sul turn, per desistere dal loro intento (2 barrels players).
Spero di aver esposto chiaramente questa idea, perché riconoscere il genere di giocatore che vi siede di fronte è nella mia esperienza l'informazione più profittevole che una nota possa contenere.

3 Barrels avversari: specularmente, siete interessati alle abitudini di bluff del vostro opponente. Molti giocatori scommettono automaticamente sul Flop se hanno rialzato l'apertura, altri sono più timidi e passano parola se non legano punto, altri si arrischiano comportamenti aggressivi fino al Turn.
Anche queste informazioni sono preziose, purtroppo molto difficile raccoglierle.

4 Preflop: annotate le mani di partenza giocate dall'avversario, unitamente alla sua posizione e all'entità dell'eventuale rilancio in apertura (sottolineo le parole in corsivo: alcuni giocatori, giustamente, diventano laschi se sono ultimi a parlare). è un genere di nota ausiliario alle prime due, snervante da catalogare e non di immediata utilità: personalmente annoto la scelta delle mani di partenza solo per occasioni di gioco impegnative, dove minimi vantaggi possono tradursi in vincite rilevanti (i.e. il tavolo finale di un torneo).

5 Comportamenti insoliti: è una categoria che assorbe tutte le informazioni residue. Non scordate i requisiti di rilevanza e sintesi.

[kimoki22]
2 barrel
regolare
overbet trips
bet turn se nessun bet sul flop
2 big blind KJo primo a parlare

[Bicilotti]
doppi rialzi con doppia alta

[jablowme]
vede
regolare
lasco raise suited connectors
piccolo bet con tentativo di colore
medio bet = punto forte

Basti questo per cosa dovete annotare. Ora alcune indicazioni su come farlo:

siate sintetici: le note portate ad esempio in questo articolo sono redatte "per esteso" a fini didattici. In pratica sostituirete spesso o sempre un regolare con reg, big blind con bb e così via. Delle note sintetiche non vi distraggono dal gioco più del necessario e aiutano a sviluppare un lessico standard, quindi facile da ricordare nel momento del bisogno e scevro da ambiguità.

quando inserire una nota? Ovvero, basta un sospetto o dobbiamo disporre di numerosi indizi concludenti? Vi consiglio di far seguire l'annotazione da un punto di domanda ('?') se non siete sicuri al 100% del vostro appunti, per esempio

bluff ultimo di mano?

Aggiungete un punto esclamativo ('!') ogni volta che un commento viene "provato dalle carte" (nel caso precedente, per esempio, perché qualcuno ha visto il giocatore sospettato del bluff). Questa serie di interpunzioni vi aiuterà a valutare l'affidabilità di una nota anche dopo molto tempo.