ItaliaPoker > News di Poker > Van Zadelhoff dà spettacolo al WCOOP, scoppia la bomba su Baazov, Fedor Holz e le mance al casinò
SvZff

Van Zadelhoff dà spettacolo al WCOOP, scoppia la bomba su Baazov, Fedor Holz e le mance al casinò

condividi su

SvZff’ si aggiudica il Main Event WCOOP, si complica la posizione giudiziaria di David Baazov, Fedor Holz dice la sua sul lasciare la mancia.

WCOOP 2017 Main Event, uno ‘SvZff’ da impazzire

Colpo grosso per Steven Van Zadelhoff, che superando in heads-up il canadese ‘joshuah333’ si aggiudica il Main Event High del WCOOP 2017, portandosi a casa la bellezza di 1,6 milioni di dollari – anche se… non è proprio così, come vedremo tra poco.

Da segnalare anche la metaforica medaglia di bronzo per Bernardo ‘Machadada RS’ Rocha. La buona performance dei brasiliani è cementata dal quarto posto di Alexandre ‘Cavalito’ Mantovani.

Ecco il payout del Main Event High del World Championship of Online Poker di PokerStars.com:

  1. SvZff (Malta) $1.624.502

  2. joshuah333 (Canada) $1.173.712

  3. Machadada RS (Brasile) $848.015

  4. Cavalito (Brasile) $612.697

  5. JeremiieLand (Austria) $442.677

  6. Geokarak (UK) $319.837

  7. Kekkhou (Finlandia) $231.084

  8. romanooo64 (Tailandia) $166.961

  9. imluckbox (Tailandia) $120.630

La cosa curiosa è che ‘SvZff’ di quell’oltre 1,6 milioni di dollari si intascherà poco più di 250.000 bigliettoni. Sì, perché il residente maltese si è fatto un po’ prendere la mano, diciamo così, e ha venduto l’84% delle quote, lui che in realtà avrebbe voluto cederne soltanto il 28%.

Su Facebook, Van Zadelhoff non si è vergognato di spiegare quanto accaduto, anzi: “Ho fatto felici tanti amici. Mi hanno seguito e supportato per tutta la mia carriera, quindi non ho rimpianti per questa situazione”.

David Baazov era solo un prestanome”

Nei giorni scorsi è esplosa una bomba nell’inchiesta per insider trading che ha coinvolto David Baazov, ex CEO di Amaya. L’Autorité des marchés finances canadese, che si occupa del caso (discusso in tribunale a novembre), ha infatti accusato Baazov di essere stato nient’altro che un prestanome.

Della società che qualche anno fa aveva rilevato PokerStars e Full Tilt, Baazov non sarebbe mai stato il primo azionista. David, afferma l’AMF, sarebbe stato soltanto un prestanome del fratello Ofer Baazov e di Craig Levitt, i due veri proprietari dell’azienda all’epoca.

Secondo quanto riporta La Presse, l’organismo regolatore del Quebec avrebbe trovato una copia di un accordo privato nel telefonino di Ofer Baazov, in cui il fratello David si impegnava di rilevare il 100% delle azioni di Amaya, ma detenendone il 75% per conto del cedente e del socio Craig Levitt.

La difesa, nelle persone del pool di avvocati di Baazov, ha negato l’accaduto, contro accusando l’AMF di tentato condizionamento della giuria ancor prima dell’inizio del processo.

Fedor Holz: “Mance al casinò? Per un professionista vuol dire abbattere il ROI”

fedor holz interview

In un recente documentario prodotto da partypoker, la room di cui è diventato testimonial, Fedor Holz ha parlato a lungo dell’abitudine di lasciare mance dopo una grossa vincita. Il fenomeno tedesco ha distinto due situazioni per lui molto diverse: la mancia al casinò e la mancia ai dealer.

Holz ha ammesso candidamente di non amare particolarmente lasciare la mancia al casinò, cosa che solitamente succede dopo una grossa vincita (in un torneo o di un jackpot), perché questo significa abbassare il ROI.

È una cosa che fanno tipicamente i giocatori amatoriali. Ma se il poker è il tuo lavoro, lasciare la mancia al casinò è dura: se inizi a lasciare sempre l’1 o il 2% delle vincite, a fine anno il tuo ritorno sull’investimento cala sensibilmente”.

Discorso diverso invece quando Fedor deve lasciare la mancia ai dealer: “Se do la mancia al casinò, non so che fine faranno i miei soldi. Ma a i dealer la mancia la lascio volentieri. Soprattutto se sono bravi e veloci come quelli dell’Aria di Las Vegas.

Commenti

Posta il tuo commento

I commenti sono disabilitati.

Commenti

Nessuno ha commentato questa pagina