ItaliaPoker > News di Poker > Via alla GPL, il Pokertox, fidanzati in heads-up e sentenza shock in Olanda

Via alla GPL, il Pokertox, fidanzati in heads-up e sentenza shock in Olanda

condividi su

GPL in partenza il 5 aprile, intanto un medico vuole fondere botox e poker. Eclatante il caso della coppia di fidanzati in heads up e la sentenza contro il poker in Olanda. 

La GPL in partenza il 5 aprile. Mistero wild cards

GPL Team Managers 510x330

Per chi si stesse chiedendo quando i match della Global Poker League inizieranno ufficialmente allora l’attesa è finita: Dreyfus ha confermato che il 5 aprile sarà la data di inizio della GPL.

Ancora non è chiaro in quale modalità gli scontri partiranno e tantomeno quali saranno le wild card scelte dai manager dei vari team.

Ciò che è certo è che ciascun team manager potrà schierare se stesso in campo, bruciando però di fatto una delle due wild card a disposizione.

Sembra questa la strategia del nostro Max Pescatori che ha più e più volte parlato al singolare della sua wild card.

Al momento Max non ha voluto fare nomi, ma le ipotesi di un altro player italiano vanno scartate. Niente da fare per personaggi come Butteroni, Candio o Minieri su cui molti stavano scommettendo. Max ha annunciato che la sua wild card non sarà italiana.

Non resta che attendere la fine del mese.

Liv Boeree entusuasta dei Rome Emperors

Non è una novità che la bella e talentuosa Liv sia in ottimi rapporti con molti dei più noti poker player italiani da Kanit a Sammartino.

Ebbene la giocatrice inglese, team manager della franchigia londinese, non ha nascosto la sua felicità per la scelta di Pescatori di puntare su Walter Treccarichi.

La player lo definisce un giocatore eccellente e soprattutto un ragazzo brillante e molto simpatico!

Facciamo anche noi gli aguri a Water per questa grande opportunità e aspettiamo con ansia di vederlo all’opera.

 

Il botox per una perfetta poker face?

poker botox

Sembra assurdo ma si sa che la realtà supera abbondantemente la fantasia ed ecco arrivare la perla della settimana. Il medico Jack Beardy ha messo appunto il “Pokertox” per eliminare il più possibile i tell dalla propria mimica facciale e divenire imperscrutabili al tavolo da poker.

È palese che il chirurgo di Las Vegas stia puntando su un nuovo mercato per lanciare un trend che potrebbe rivelarsi molto proficuo. Tuttavia noi siamo inclini a pensare che i giocatori, soprattutto i professionisti, non cederanno al ricatto.

Inoltre la questione dei tell è molto controversa in quanto diversi top player hanno un tale controllo sulle proprie espressioni da poterle usare a discapito degli avversari per trarli in inganno.

Cosa che, con la faccia piena di botulino, non sarebbe assolutamente possibile.

 

Una coppia alla finale dell’Eureka

ivan luca maria fidanzata

Non era mai successo prima di vedere un tavolo finale con due fidanzati pronti a sfidarsi, eppure è proprio quello che è accaduto nel Main Event dell’Eureka Poker Tour di Rozvadov.

Parliamo del noto argentino Ivan Luca e della sua partner Maria Lampropolus. Quest’ultima sta diventando alquanto popolare grazie ad una rapida ascesa che l’ha vista solo una settimana fa fermarsi al secondo posto al WPT di Bruxelles intascando quasi 70.000 euro.

Un premio ancora più ricco per lei durante l’Eureka Poker Tour quando le è toccato proprio battersi in heads-up con il suo fidanzato dopo un deal a due che le ha assicurato oltre 95.000 euro. Alla fine Ivan Luca, che ha in realtà dominato per tutto il tempo il final table, ha avuto la meglio, ma ci ha tenuto a farsi fotografare insieme con Maria dividendo simbolicamente il trofeo dell’evento.

Il payout del torneo

1 – Ivan Luca, Argentina, €106,186 *
2 – Maria Lampropoulos, Argentina, €95,404 *
3 – David Urban, Slovakia, €54,800
4 – Peter Siemund, Germany, €41,500
5 – Stoyan Stefanov, Bulgaria, €33,100
6 – Mick Heder, Denmark, €25,340
7 – Robert Kokoska, Czech Republic, €18,330
8 – Hannes Speiser, Austria, PokerStars player, €12,500

 

Nessuna abilità, il poker è azzardo in Olanda

holland flag

L’ultima perla della settimana arriva da dove non te l’aspetti! In Olanda un giudice ha sentenziato che il poker è solo gioco d’azzardo e fortuna e pertanto due uomini sono finiti nei guai per una serie di tornei che erano soliti organizzare.

I malcapitati in un noto bar frequentato da poker player organizzavano eventi a basso buy-in che generalmente attiravano una settantina di giocatori.

Una sentenza che è pronta a far discutere dal momento che in Olanda il poker è considerata una professione tassabile.