Bitcoin Poker

Bitcoin e poker sono due mondi che possono andare facilmente a braccetto. Vi sveliamo com'è possibile costituire il mondo del Bitcoin poker.

PokerStars.it
100% Fino a €1.000 Gioca Ora Recensione
Sisal Poker
200% Fino a €1.010 Gioca Ora Recensione
BetClic.it Poker
100% Fino a €1.005 Gioca Ora Recensione

Da ormai diversi anni, soprattutto negli Stati Uniti ma a macchia di leopardo in giro per il mondo, la sempre più nota moneta virtuale si è diffusa tra le nazioni più importanti del pianeta e sta prendendo sempre più piede per alcune tra le più importanti e frequenti operazioni da svolgere a livello finanziario online.

Quella che è stata ribattezzata in italiano come crypto valuta potrebbe anche servire per poter pagare quelle che sono le operazioni da effettuare nel gaming online, come acquistare i ticket per partecipare ai più importanti eventi da disputare nei più grandi casinò in giro per il mondo oppure, più semplicemente, effettuare una ricarica sul proprio conto gioco nella poker room o nella piattaforma di giochi da casinò di fiducia.

NOTA: Almeno per il momento, per quanto l'utilizzo dei bitcoin non sia ancora escluso dalla legge vigente in Italia, nel nostro Paese operazioni di Bitcoin poker non sono ancora state ammesse. Le poker room non si sono ancora attrezzate in tal senso, anche perchè a livello legale non è ancora stata presa una posizione netta in tal senso.

Per questo motivo nel nostro articolo non troverete le poker room che consentono di effettuare operazioni attraverso il metodo del Bitcoin Poker. Anche perchè tra le poker room presenti nel nostro sito attraverso le recensioni che abbiamo redatto e le promozioni che abbiamo in corso con le stesse, non ce n'è nemmeno una che adotta questo metodo per consentire operazioni economiche ai propri giocatori.

Bitcoin Poker: la storia del Bitcoin

bitcoin poker3La storia della moneta virtuale più famosa e utilizzata in giro per il mondo inizia una decina di anni fa. La nascita del Bitcoin viene fissata per comodità nel 2007, quando secondo una leggenda una persona o addirittura un gruppo di persone operanti sotto il nome di Satoshi Nakamoto – ma la cui vera identità deve essere ancora svelata e verificata – comincia a lavorare sul concetto di Bitcoin.

Un anno dopo il Bitcoin viene finalmente rivelato al mondo, sotto forma di articolo. Questo articolo, che portava come autore proprio il nome di Satoshi Nakamoto, ha come titolo “Bitcoin: un sistema in contanti elettronico Peer to Peer”. Tutto il mondo, dunque, ha potuto finalmente scoprire cosa ci fosse dietro a questa valuta.

Il 2009 è un anno a dir poco cruciale per la storia e per la diffusione del Bitcoin. In primis viene effettuata quella che è da considerare a tutti gli effetti la prima operazione che vede il coinvolgimento diretto della valuta elettronica, con Hal Finney come destinatario della moneta. Dopodichè avviene il primo Block, che consente al Bitcoin di esistere a tutti gli effetti nel mercato.

Il bitcoin esplode!

Nel 2010 viene effettuato il pagamento di una pizza a Jacksonville, in Florida, attraverso l'esborso di 10.000 bitcoin, ma appena un anno dopo la valuta elettronica raggiunge il valore del dollaro americano. Da lì le cose si metteranno sempre più in discesa per i possessori della moneta, piano piano in altre parte del mondo appariranno i bitcoin e nel 2013 viene istituito addirittura il primo ATM di Bitcoin.

Nello stesso anno il Bitcoin raggiunge il valore di 1.000 dollari, ma si tratta solo del primo di una lunga serie di step in costante crescita per lo stesso valore della moneta. Pian piano tutti i colossi dell'economia e dell'informatica accetteranno questa valuta, tra cui PayPal e persino Microsoft. Il passo finale per la definitiva affermazione del Bitcoin avviene nel 2015, quando il New York Stock Exchange (NYSE) annuncia il lancio di un indice di prezzo della moneta.

Bitcoin: quanto vale e quanti ce ne sono

In questo momento, un bitcoin ha il valore di 6.608,09 euro. O in alternativa di 8.179,62 dollari. Sicuramente un buon valore ma non quanto è stato raggiunto un paio di anni fa, quando la valuta elettronica più famosa del mondo era riuscita a raggiungere la quota dei 16.000 dollari. Questo è un momento di calo, ma ben presto potrebbe esserci un nuovo picco positivo.

In questo momento, esiste una portata di mercato di ben 21 milioni di monete elettroniche. In totale, ce ne sono già in circolazione poco meno di 17 milioni. Dunque, qualora vogliate acquistare anche un solo bitcoin, affrettatevi perchè l'offerta rischia di diventare limitata da un momento all'altro.

Bitcoin Poker: siamo ancora in attesa

bitcoin poker onlineCome abbiamo già accennato prima di presentarvi in maniera dettagliata la storia del Bitcoin dalla sua fondazione alla sua diffusione, sapete che non è possibile effettuare operazioni di Bitcoin Poker nelle sale poker online accettate nel territorio italiano. Difficile che la cosa possa cambiare non appena verrà sbloccata in maniera definitiva la situazione relativa alla liquidità condivisa, visto che tutto dipende dalla legge che vige in Italia in merito alle valute.

Esistono alcuni siti dedicati ai giochi da casinò, aperti in Italia ma ancora da valutare sotto l'aspetto dei permessi di AAMS, che aggirano la legge vigente nel nostro Paese e consentono di giocare e di effettuare operazioni economiche attraverso la moneta elettronica. Ovviamente, in attesa di capire se anche l'Italia si adatterà alla diffusione del Bitcoin su scala mondiale e metterà in piedi una legge a riguardo, non possiamo consigliarvi di affidarvi a questi siti per giocare.

Dunque, il Bitcoin Poker è un tipo di operazione che in Italia non è ancora concesso. Non è possibile spendere i Bitcoin a vostra disposizione – qualora ne abbiate – per poter effettuare alcuna operazione all'interno delle poker room che possono essere giocate nel nostro Paese. Ovviamente non vi viene esclusa la possibilità di scambiare un bitcoin in soldi 'veri' per poi poterli investire nelle room in cui siete abituati a giocare a poker online.

Non è ancora possibile, in particolare nei Paesi europei, nemmeno iscriversi ai tornei utilizzando i Bitcoin. Vedremo se ci saranno delle evoluzioni anche in questo senso.