ItaliaPoker > Regole Poker: come imparare le basi > Regole dell' Omaha Hi-Lo

Regole Poker: come imparare le basi

omaha regole2

Regole dell' Omaha Hi-Lo

condividi su

Regole del Omaha Hi-Lo. Impara a giocare, gioco Omaha Hi-Lo su Italiapoker.it.

La struttura di gioco del Omaha Hi-Lo è di base la stessa del Omaha High (e del Texas Holdem,) con un piccolo buio, un controbuio e tre carte in comune dette "Flop", seguite da un "Turn" e da "River". Il gioco ha un pulsante del mazziere, che viene spostato di un passo in senso orario dopo ogni mano completata. Proprio come nel Omaha High, a tutti giocatori vengono distribuite quattro carte coperte, e precisamente due di queste devono essere usate con le tre dal board per fare una mano da cinque carte.

Regole Omaha Poker e Migliori Siti per Giocare Online

C’è una variante del poker che sta assumendo sempre più importante e sta attirando su di sè un numero sempre maggiore di giocatori. Si tratta dell’Omaha, considerato dagli esperti giocatori di Texas Hold’em come una nuova variante con cui misurare le proprie abilità. Vista la presenza di molti principianti ai tavoli da gioco, inoltre, il poker omaha si sta rivelando una buona fonte di guadagno per i giocatori piú abili.

Se conoscete già l'Omaha e le regole del gioco, di seguito potete trovare una selezione dei migliori siti di poker online che offrono partite cash e tornei di poker omaha, scelti per voi dalla redazione di ItaliaPoker.it. Se invece siete dei principianti e volete approfondire la vostra conoscenza delle regole del gioco potete continuare a leggere poco piú in basso.

I Migliori Siti per Giocare a Omaha Hi-Lo

Sala da PokerVotoBonus%Recensione
1.  PartyPoker 9 su 10 400€ 100% Recensione Gioca ora!  
2.  BetClic

9 su 10

250€ N/A Recensione Gioca ora!  
3.  Snai 8 su 10 111€ N/A Recensione Gioca ora!  

 

Omaha hi-lo: Come si Gioca

Una grande caratteristica che abbiamo riscontrato nell’Omaha poker riguarda il fatto che esistono diverse varianti di questo gioco. Ne andiamo ad annoverare in particolare due, che saranno quelle di cui ci andremo ad occupare in questa guida. Si tratta del No-Limit Omaha e del Pot-Limit Omaha, le cui differenze tra loro riguardano, come suggeriscono I nomi, i limiti presenti (o meno) sull’entità delle puntate possibili

Ma in realtà, c'è una terza variante che amplia ulteriormente il ventaglio di scelte, qualora voleste calarvi in questa speciali. Si può dire che questa è in un certo senso la più complicata e avvicente tra le tre varianti dell’Omaha poker: stiamo parlando dell’ Omaha hi-low split-8 or better. Andiamo a vedere come funziona, sia nelle varie fasi di gioco di una singola mano, sia nel calcolare i punteggi.

Avete capito bene, il calcolo dei punteggi è una delle parti più importanti ma anche meno immediate al termine di una mano di Omaha Hi-Lo. Una delle caratteristiche principali di questa variante, infatti, consiste nel fatto che viene premiato al termine di ogni mano il punteggio più alto e quello più basso tra quelli totalizzati dai giocatori ancora presenti nel colpo.

Le dinamiche sono le stesse, per quanto riguarda le fasi di gioco, delle due precedent varianti che abbiamo spiegato. Cambia solo la suddivisione del piatto, come abbiamo già visto. Ogni giocatore che arriverà fino al river, lo fa sia perchè cerca di ottenere il punteggio migliore, sia per ottenere quello peggiore. L’obiettivo è dunque quello di portarsi almeno metà del piatto, visto che un singolo giocatore potrebbe riuscire a chiudere sia il punteggio più alto che quello più basso.

omaha hi lo

Per fare in modo che possa essere assegnato il piatto “basso” sarà necessario che il board presenti l’8 e almeno due carte inferiori all’8. In questo caso, bisognerà avere la peggior combinazione di carte tra le due coperte e personali e le tre prese dal board. Dovranno essere cinque carte basse e al tempo stesso non connesse tra loro (ad esempio 6-5-4-2-A).

Per quanto riguarda il piatto “alto”, c’è davvero poco da spiegare. Chi riesce a completare la miglior combinazione tra le due proprie carte e le migliori tre prese dal board, porta a casa questa parte di pot.

Regole Omaha Hi-Lo: Divisione in quattro

Anche se hai la migliore mano alta o la migliore bassa, è possibile che il piatto che si genera in una mano di Omaha Hi-Lo venga "diviso in quattro". Questo avviene, per esempio, se il tuo avversario ha una mano alta quanto la tua, e lo stesso può avvenire nel caso in cui si verifichino due mani basse di uguale valore. In questo caso, la suddivisione dei piatti è decisamente più semplice. La metà della mano alta del piatto sarà divisa, ma il tuo avversario vince la restante metà del piatto. Per questo motivo, è sempre preferibile avere una mano sia con la possibilità alta che bassa.

Ovviamente, bisognerà prima effettuare una suddivisione preliminare del piatto, metà del quale andrà comunque a chi avrà totalizzato una o più mano di valore "alto", mentre il restante 50% verrà distribuito a chi avrà ottenuto il punteggio più basso. La divisione del piatto in quattro parti, con la presenza dunque di uno split, è comunque una circostanza non troppo comune, considerando l'ampia quantità di carte in gioco in una singola mano. Nella maggior parte dei casi, dunque, ci sarà un solo giocatore che porterà a casa la parte di piatto riservata al punteggio più basso, e un altro che si aggiudicherà la parte di pot destinata al punteggio più alto.

Riassunto Regole Omaha Hi-Lo

  • La struttura delle puntate che vengono effettuate durante ciascuna mano di Omaha Hi-Lo è la stessa rispetto a quelle di Pot-Limit Omaha e No-Limit Omaha, così come accade anche nel Texas Hold'em.
  • Ciascun giocatore dovrà usare esattamente due delle quattro carte coperte ricevute all'inizio della mano, e tre delle cinque carte in comune che compongono il board. L'obiettivo è quello di completare sia la miglior mano bassa che la migliore tra le mani alte utilizzando le suddette cinque carte tra personali e comuni.
  • Non sarà necessario avere contemporaneamente la miglior mano bassa e la miglior mano alta per portare a casa il piatto, o comunque una parte di esso.  Basterà totalizzare il miglior punteggio, oppure quello peggiore, per non restare a bocca asciutta al termine di una mano.
  • Perché una mano possa essere considerata come bassa, deve essere una mano da cinque carte (sempre due tra le quattro personali e tre tra le cinque presenti sul board) non accoppiate tra loro, e con una combinazione che preveda un 8 oppure carte inferiori. Scale e colori non qualificano una mano bassa.
  • Il piatto è diviso tra la mano alta (classificazione standard delle mani) e la mano bassa, se applicabile.
  • Ciascuna delle due parti del piatto che viene generato e poi suddiviso tra mano più alta e mano più bassa, può essere ulteriormente suddivisa qualora ci fosse una situazione di più "mani alte" o più "mani basse", dando vita ad un ulteriore split.
Commenti

Posta il tuo commento

Commenti

Nessuno ha commentato questa pagina